Civitanova Marche, 11 marzo 2021 - Era stato sottoposto al test Covid, ma in attesa dell’esito dell’esame – che risulterà poi positivo – scappa dal pronto soccorso e viene investito da una macchina lungo la provinciale delle Vergini, la strada che passa sotto l’ospedale. Una storia condizionata dall’emergenza, in cui si sommano una serie di fattori acuiti dalla situazione in un reparto travolto dalla terza ondata del virus e che a ieri registrava diciassette contagiati ricoverati, un numero che è tra i più alti in regione, e con medici, infermieri e oss costretti a lavorare in condizioni difficili per riuscire ad assistere pazienti Covid e non Covid.

Nuovo Dpcm marzo 2021, venerdì si decide: Draghi valuta una stretta nel weekend - Vaccino covid Marche: ritardi ed errori. "Ma siamo sesti in Italia" - Covid, una seconda volta è possibile. "Monitoriamo gli anticorpi"

È qui che ieri mattina è arrivato un 48enne, civitanovese, con sintomi compatibili con quelli propri del contagio da Coronavirus. L’uomo viene sottoposto al test Covid e, nel tempo necessario a processare il tampone, lui si reca in bagno. Quando il personale del reparto, con in mano il risultato dell’esame, lo cerca per eseguire la procedura del protocollo Covid non lo trova sulla barella, dove però ha lasciato tutti i suoi effetti personali. Dopo le ricerche in ogni stanza diventa chiaro a tutti che l’uomo se ne è andato. È uscito dal pronto soccorso ma, neanche il tempo di far partire l’allarme, che i sanitari se lo ritrovano nel reparto, vittima di un incidente stradale avvenuto intorno alle 11.30.

Sul posto dell’investimento interviene una pattuglia della polizia locale di Civitanova, che ricostruisce la dinamica dell’accaduto attraverso diverse testimonianze di chi ha assistito a tutta la scena. Emerge che il 48enne si sarebbe piazzato in mezzo alla strada lungo la provinciale delle Vergini e che l’automobilista se lo trova davanti all’ultimo momento, riuscendo tuttavia a frenare. Non ha potuto evitare l’impatto ma non è stata violento l’urto, tanto che il quarantottenne non ha poi riportato traumi.

A quel punto, l’uomo viene soccorso dall’auto medica del 118 e dall’ambulanza della Croce Verde, con i sanitari protetti con mascherine Ffp2, visiere e doppi guanti, secondo quanto previsto in questi casi dal protocollo anti Covid. L’uomo è stato portato al pronto soccorso dove ora è ricoverato nel settore Covid. L’episodio dovrà essere segnalato dai vertici ospedalieri ai carabinieri e alla Asur, procedimento necessario anche per procedere al tracciamento dei contatti avuti dal soggetto negli ultimi giorni.