Ancona, 11 novembre 2020 - Leggera flessione nell'incidenza percentuale dei contagi da Coronavirus nelle Marche. A dirlo è il bollettino di oggi 11 novembre del Servizio sanità della Regione Marche: nelle ultime 24 ore sono infatti 702 i nuovi positivi (ieri erano 504) con una percentuale di incidenza tra tamponi effettuati e nuovi casi che si attesta al 33,96% (ieri 10 novembre era al 35,3%).

Sono stati 3.656 i tamponi testati di cui 2.067 nel percorso nuove diagnosi e 1.589 nel percorso guariti.

Tampone positivo: cosa fare subito dopo l'esito

La mappa del contagio

I positivi sono 702 nel percorso nuove diagnosi: maglia nera si conferma ancora una volta la provincia di Ascoli Piceno con 182 nuovi positivi, segue quella di Ancona (177),  Macerata (154), 86 nella provincia di Pesaro-Urbino, 82 nella provincia di Fermo e 21 da fuori regione.

Dove è avvenuto il contatto

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (133 casi rilevati), contatti in setting domestico (179 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (203 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (11 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (28 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (6 casi rilevati), contatti in setting scolastico/formativo (9 casi rilevati), screening percorso sanitario (8 casi rilevati). Per altri 125 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

Ricoveri in aumento

Sono diventati 610 i pazienti 'Covid-19' complessivamente ricoverati nelle Marche, 10 in più nelle ultime 24 ore, e tra questi 74 (erano 75) sono assistiti nei reparti di terapia intensiva. Lo si apprende dal secondo bollettino del Sistema sanitario della Regione Marche. I pazienti in terapia intensiva sono distribuiti 17 a Pesaro, 19 a
Torrette, 6 a Jesi, 14 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 6 a Fermo, 12 a San Benedetto del Tronto. Nelle aree di semi-intensiva sono assistiti 127 pazienti, 20 meno di ieri: 42 (+2) a Pesaro, 20 (-10) a Torrette, 11 (+1) a Jesi, 5 a Senigallia, 16 (-1) al Covid Hospital di Civitanova Marche, 15 (-17) a Fermo, 11 (+1) a San Benedetto del Tronto e 6 (+2) ad Ascoli Piceno. 

Terapie intensive al 46%

Nonostante le terapie intensive siano calate di un posto, la situazione nelle Marche è comunque allarmante. La percentuale dei posti letto occupata nei reparti di terapia intensiva è arrivata al 46%, contro una media nazionale, definita "critica" dal ministero della Salute, attestatasi al 37%.

I decessi

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che purtroppo nelle ultime 24 ore si sono verificati sei decessi. Hanno perso la vita due donne e quattro uomini, tutti alle prese anche con patologie pregresse; il numero dei deceduti è salito da 1.077 a 1.083. Tre i decessi nella residenza di Valdaso Campofilone (Fermo), si tratta di un 70enne di Roccafluvione ( Ascoli Piceno), di un 89enne di Civitanova Marche ( Macerata) e di una 85enne di Porto Sant'Elpidio (Fermo). Le altre due persone morte son una 83enne di Montelupone ricoverata a Macerata, un 90enne di Pesaro assistito a Marche Nord, un 68enne di Fabriano ricoverato nella stessa città. La Provincia di Pesaro Urbino è quella che ha registrato più vittime (533), seguita da Ancona (239), Macerata (176), Fermo (77) e Ascoli Piceno (49); 9 i decessi di persone provenienti da fuori regione.

Le vittime del 10 novembre

Sono state dieci le vittime Covid registrate ieri 10 novembre nelle Marche. A Torrette, Ancona, una donna di 76 anni, in provincia di Ascoli Piceno sono morte tre donne di 85, 81 anni e 97 anni. A San Benedetto del Tronto sono morti una 82enne di Civitanova (Macerata) e un 78enne di Acquaviva Picena (Ascoli Piceno). All'ospedale di Pesaro è deceduto un 83enne di Pergola, a Senigallia un 83enne fabrianese e una donna di 94 anni di Arcevia. A Macerata è deceduta una 94enne di Montefano (Macerata).

Il focus Zona arancione: Marche a rischio? Tutto dipende dalle terapie intensive

Le altre notizie di oggi

Ricciardi: "Persone circolano troppo. Lockdown plausibile"

Ospedale unico, ora è guerra. "Che fine fanno i 121 milioni?"

Tampone positivo: cosa fare subito dopo l'esito