L’uomo è ricoverato da due giorni all’ospedale di Pesaro
L’uomo è ricoverato da due giorni all’ospedale di Pesaro

Fano (Pesaro e Urbino), 17 febbraio 2019 - La Procura ha nominato un consulente – un medico – che aiuti gli inquirenti a districare il giallo del 40enne fanese, trovato a letto dalla madre con fratture multiple, senza che si sia capito come se l’è procurate. Vicenda che al momento sembra un racconto dell’impossibile. Il consulente, presa visione della cartella clinica, dovrà riferire su quale tipo di evento o eventi possano aver provocato le fratture sul corpo del 40enne professionista, residente con la famiglia in un quartiere della periferia fanese.

AGGIORNAMENTO / Parla il protagonista: "Sono il primo a volore capire". Ecco chi è -Si sveglia con le ossa rotte. La madre: "Inspiegabile"

L’uomo è da due giorni ricoverato al San Salvatore di Pesaro ma nessuno ha capito ancora come si sia potuto fratturare il bacino, ambedue le spalle, e accusare una emorragia al naso. L’altro ieri, il 40enne è stato sottoposto a intervento chirurgico per le spalle. Stanno indagando, assieme al sostituto Maria Letizia Fucci, i carabinieri della Compagnia di Fano.

La madre lo ha trovato dolorante nel letto alle 5 del mattino di venerdì scorso. Sul guanciale c’era il sangue che l’uomo ha perso dal naso. L’uomo non era cosciente. Stava rantolando per il dolore legato a quelle fratture. Era andato a letto la sera prima intorno alle 23, nel letto della camera della casa in cui vive con padre e madre. Dalle 23 alle 5 del mattino, per ora è buio fitto, a parte un particolare: alle 2,24, questo ha riferito l’uomo ai carabinieri, «sono andato in bagno. Ho visto che era notte fonda e sono tornato a letto». Ha visto l’ora nel display dello stereo che tiene sul comodino.

Ma quello che colpisce, di questa vicenda, è che presenta interrogativi cui al momento sembra impossibile rispondere. I carabinieri escludono che le ferite siano frutto di un pestaggio. Non ha infatti ematomi ed altri segni che inevitabilmente ci sarebbero stati se fosse stato picchiato selvaggiamente fino a spaccargli bacino e spalle. Entra allora in campo la caduta, in casa o fuori. Ma anche in questo caso, troppe cose non tornano. Uno: la camera nella quale dormiva il 40enne dista dal terreno meno di 4 metri. Un’altezza non sufficiente per procurarsi quel tipo di fratture. Due, i carabinieri hanno fatto un sopralluogo sul posto dove si trova la casa. Non esistono a terra segni di caduta del corpo. Ma nella casa non ci sono neanche segni di effrazione o colluttazione. Non manca nulla. La camera in cui dormiva l’uomo, visionata con cura dai carabinieri per cercare indizi utili, era in ordine da sempre, non è una stanza che qualcuno ha rimesso a posto dopo un evento.

Come del tutto ordinata e senza ombre è la vita di questo 40enne. Mai fatto uso di alcol e droghe. Mai avuto malattie pregresse di tipo psichiatrico. Mai sofferto di sonnambulismo. Non è fidanzato, ed ha una vita cristallina, sul lavoro e con gli amici. Ma possibile che una persona che si frattura in più punti bacino e spalle poi possa dire ai carabinieri che lo interrogano che non ricorda, come è avvenuto in questo caso, cosa gli è successo? Forse uno shock o un evento di tipo neurologico potrebbe aver cancellato dalla memoria dell’uomo le cause del trauma. Dalle famose 2,24, l’uomo torna alla realtà solo quando si ricorda degli infermieri dell’ambulanza.

Ma allora cos’è successo? Quelle fratture appaiono, al momento, compatibili con una caduta, ma da un’altezza maggiore dei 3,5 metri collegati alla camera in cui dormiva. Sicuramente, non con una caduta in casa: soprattutto quella del bacino. In teoria, qualcuno potrebbe averlo preso, fatto cadere da un’altezza maggiore, poi rimesso su una barella (per non farlo urlare) e riportato in camera. Ipotesi fantascientifica, per la sua astrusità, e che tra l’altro cozza con altre conclusioni. Nessuno, infatti, nè dei vicini di casa nè della famiglia ha visto o sentito nulla (tonfi, voci di lui o di altre persone, richieste di aiuto), prima che la madre scoprisse il figlio dolorante nel letto.