Show volante, poi i palazzi si animano col videomapping: incanto sotto la pioggia a Forlì

Mille persone all’accensione dell’albero, nonostante il meteo. Dopo le sfilate dei Babbi Natale, tutti con gli occhi all’insù per la fata e la grande sfera azzurra sospese nel cielo

Forlì, 8 dicembre 2023 – È stata una fata volante, sospesa nell’aria insieme a un globo celeste, ad accendere, nel pomeriggio di ieri, l’albero di Natale di piazza Saffi, lanciando nell’aria una pioggia di glitter dorati che si sono uniti a un’altra pioggia: quella sottile e gelida che non ha mai smesso di cadere per tutto il pomeriggio. Il freddo, però, ha solo parzialmente inficiato la riuscita dell’attesa festa dell’8 gennaio: certo, in piazza si sono radunate meno persone rispetto allo scorso anno, quando il meteo era stato più favorevole, ma anche ieri sono state comunque numerose le persone che hanno sfidato il freddo e hanno trascorso diverse ore tra gli eventi in calendario. Nel momento di punta si può stimare un migliaio di persone.

Il colpo d’occhio di piazza Saffi col videomapping vista dal municipio
Il colpo d’occhio di piazza Saffi col videomapping vista dal municipio

I più piccoli hanno provato la pista delle slitte, mentre i pattinatori hanno percorso più e più volte la ellissi di ghiaccio tracciata ai piedi di Saffi. I pochi gradi sopra lo zero hanno invogliato all’acquisto delle bevande calde in vendita alle casette dei mercatini natalizi, dalla cioccolata al vin brulè, mentre molti altri hanno trovato rifugio nei bar o nei negozi del centro, approfittando magari anche per provvedere per tempo a qualche regalo di Natale, sempre lanciando un occhio fuori dalla vetrina, per non perdere gli show annunciati.

Se Radio Bruno, con il suo palco allestito ai piedi dell’albero di Natale, ha continuato a trasmettere musica e intrattenere i presenti fin dalle 16, infatti, in cartellone c’era anche uno spettacolo molto atteso, di cui si sono visti i segnali premonitori già nel primo pomeriggio: una grande quanto misteriosa sfera azzurra galleggiava a mezz’aria accanto al campanile di San Mercuriale, senza rivelare quale sarebbe stato il suo ruolo nel calendario della festa. Il tempo è trascorso velocemente: canzoni natalizie da intonare in coro, dolciumi caramellati da sgranocchiare a bordo pista di pattinaggio, la sfilata dei Babbi Natale a bordo delle moto prima e delle biciclette poi. Si sono sprecati i selfie dei presenti in compagnia dei barbuti (e delle barbute) in giubba rossa. Intanto la pioggia cominciava a cadere più fitta, gli ombrelli si aprivano uno dopo l’altro e le persone che ne erano sprovviste si rifugiavano sotto la pensilina; in pochi hanno desistito e si sono diretti verso le auto.

Ed ecco che finalmente lo show ha preso vita. Una ballerina dentro una immensa gonna d’oro ha percorso la piazza danzando, poi il globo si è illuminato e si è alzato in cielo. Magia. Appesa a un filo invisibile un’altra ballerina si è librata in aria e si è lasciata trasportare per tutto il perimetro della piazza, accompagnata dalle esclamazioni entusiastiche dei presenti. Una volta arrivata di fronte all’albero di Natale, con un tocco ne ha segnato l’accensione: "Mamma, l’ha acceso lei!", l’esclamazione di una bambina a bocca aperta. Ma non è finita: arrivata di fronte all’abbazia, un altro lancio di coriandoli dà il via al videomapping; sul campanile si staglia un volto e torna la voce profonda, ormai nota, che i forlivesi avevano imparato a conoscere nella scorsa edizione di ‘Forlì che brilla’. Poi sono tutti i palazzi della piazza ad accendersi: fiori, palline colorate, slitte e immagini che si rincorrono, stravolgendo, almeno per qualche settimana, il volto consueto della piazza.