Giunta, in pole Simonacci e Pelati

Toto nomi sui futuri assessori. Il sindaco Pepa terrà conto delle preferenze ottenute e del parere dei partiti

Giunta, in pole Simonacci e Pelati

Giunta, in pole Simonacci e Pelati

Ora viene il bello, o meglio la difficile gestione degli equilibri politici per accontentare tutti e, soprattutto, per dare alla città una squadra unita e forte. Parliamo della delicata ed impegnativa scelta che si trova a fare il neo sindaco nell’individuare le persone più adatte e competenti da affiancarlo nel duro lavoro di amministrare Recanati dovendo garantire anche la presenza in Giunta delle quote rosa. Dal giorno dopo la nomina a sindaco di Emanuele Pepa (nella foto) le porte del Comune si sono aperte: non è più necessario suonare alla stanza dei messi per farsi ricevere ed entrare, ma la porta centrale, posta al secondo piano, dove c’è la stanza del sindaco, buona parte degli uffici comunali e le varie sedi istituzionali, dalla sala del Consiglio all’Aula Magna, è spalancata. Pepa l’aveva già detto in campagna elettorale, senza anticipare nulla sulla composizione dell’eventuale giunta, che lui avrebbe chiesto alle varie forze politiche, partiti o civiche che siano, di fornire ognuna, a prescindere dall’esito elettorale conseguito, una terna di possibili candidati a ricoprire il ruolo di assessori. Il sindaco poi ha la possibilità, al di fuori della giunta, di giostrare con alcune deleghe specifiche o nomine nelle varie partecipate da conferire a singoli consiglieri o rappresentati politici. Comunque tutti hanno già fatto i propri compitini perché, da quello che si è appreso, ogni singola forza politica, anche quella di Forza Italia non rappresentata in consiglio, ha presentato al sindaco Pepa la terna di nomi.

Nella distribuzione degli incarichi, naturalmente, peseranno le preferenze ottenute dai singoli candidati. Per Fratelli d’Italia in pole position ci sono i due più votati, Simone Simonacci, già con cinque anni di esperienza nei banchi di opposizione, ed Ettore Pelati una new entry. La lista "In Comune" fa affidamento soprattutto su Roberto Bartomeoli e Sabrina Bertini con alle spalle anni d’impegno oltre che da amministratori comunali anche da assessori: Bartomeoli al bilancio nel secondo mandato della giunta Corvatta (2004-2009) e Bertini all’urbanistica nel periodo del fine mandato a sindaco sempre di Corvatta. Udc-Costituente popolare punta su Simone Marconi, il più votato, e a seguire Dario Ragni, presidente, fra l’altro, delle Acli dell’Addolorata. Per una Recanati migliore si presenta con il suo candidato più votato della lista, Maurizio Paoletti, già presidente del Consiglio e presidente degli Ircer, quindi già pronto a ruoli di responsabilità nell’amministrazione Pepa. Con lui Michele Brizi. La Lega punta su Benito Mariani, consigliere uscente di opposizione nella giunta Bravi, e Oriana Piccioni, oggi assessore a Macerata con Parcaroli.

Asterio Tubaldi