Il Guercino rubato
Il Guercino rubato

Modena, 27 marzo 2019 - Tornerà a Modena, perfettamente restaurato il Guercino rubato a Modena dalla chiesa di San Vincenzo nell’agosto 2014. Ma prima, sarà esposto dal 3 maggio al 4 luglio in Quirinale, nella mostra organizzata per fetseggiare il cinquantesi anniversario dell'istituzione del Nucleo tutela del patrimonio culturale dei carabinieri, quel particolare gruppo che si occupa in primis di opere d'arte trafugate e da proteggere. Dopo di che tornerà a Modena, entro o al massimo poco dopo l'estate.

Inizialmente alla Galleria estense, per farla ammirare di nuovo a modenesi e turisti, e poi nella sua vera casa, ovvero la chiesa di San Vincenzo della parrocchia di San Biagio, in pieno centro.

image

L’annuncio è stato dato in procura dal pm Lucia Musti (video), assieme al sindaco Gian Carlo Muzzarelli, ai rappresentanti della Curia, al tenente colonnello Stefano Nencioni  e al maggiore Giuseppe De Gori, comandante del nucleo carabinieri tutela patrimonio culturale di Bologna. E proprio per loro è riservato il primo encomio della Musti: "Svolgono un lavoro molto delicato ma altrettamento importante in un Paese come il nostro - spiega - per il quale hanno preparazione e cultura dedicate, assieme al supporto della banca dati". Il Quirinale è la casa degli italiani - prosegue Musti -: siamo rogogliosi che ci sia esposto anche un epzzo di Modena".

GUER_109447_151556

La preziosa tela del Guercino è stata trovata in Marocco a febbraio del 2017. L'autore del furto ha patteggiato due anni di carcere per furto pluriaggravato in concorso con ignori. "Restano ancora punti oscuri", ha sottolineato la Musti che ha tenuto anche a ringraziare l'ambasciata italiana a Rabat per il delicato lavori di mediazione svolto per ottenere la restituzione della tela. Che, però, era stata gravemente danneggiata durante i lunghi mesi in cui era stata nascosta in un tappeto. Ora il difficile lavoro di restauro è terminato e, splendente di nuova luce, la 'Madonna col Bambino e i santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo' tornerà a Modena.

"I tecnici restauratori sono stati bravissimi, il restauro terminerà ad aprile per l'esposizione. La tela arriverà a Modena in ottime condizioni", assicura il maggiore Giuseppe De Gori, comandante del nucleo carabinieri tutela patrimonio culturale di Bologna (video).

image

Il sindaco e l'arcivescovo Erio Castellucci hanno già chiesto un contributo ad hoc alla Fondazione Cassa di risparmio di Modena "per rafforzare i sistemi di sicurezza della chiesa", precisa Muzzarelli. In ogni caso, prima di rientrare a San Vincenzo l'opera sarà esposta alla Galleria estense, "affiancandola agli altri lavori di Guercino presenti, come richiamo turistico temporaneo, prima della ricollocazione definitiva nella chiesa di San Vincenzo che ora è più custodita tecnologicamente, diciamo".