Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
25 giu 2022

Cagnoni a Bollate con Vallanzasca e Bossetti: si laurea e prepara il ricorso a Strasburgo

Trasferito da Ferrara per frequentare studi di psicologia. Le giornate in biblioteca, con pc e televisione. Primi permessi tra 4 anni

25 giu 2022
lorenzo priviato
Cronaca
Matteo Cagnoni, qui durante il processo di primo grado in tribunale a Ravenna. Chi lo ha visto di recente o ha letto le sue lettere lo ha trovato rigenerato
Matteo Cagnoni, qui durante il processo di primo grado in tribunale a Ravenna
Matteo Cagnoni, qui durante il processo di primo grado in tribunale a Ravenna. Chi lo ha visto di recente o ha letto le sue lettere lo ha trovato rigenerato
Matteo Cagnoni, qui durante il processo di primo grado in tribunale a Ravenna

Ravenna, 25 giugno 2022 - Svolta l’angolo del corridoio e, toh, quello è Vallanzasca. Proprio lui, il Bel René, quattro ergastoli e 295 anni di reclusione, il malvivente più celebre d’Italia. Poi, nel cortile interno, può salutare e scambiare qualche chiacchiera con Massimo Bossetti, condannato per l’omicidio di Yara Gambirasio, che come lui si è sempre proclamato innocente. Poi, non qui ma in altra sezione, ci sono anche i più temibili fratelli Savi, i killer della Uno Bianca. Ora, si può dire, Matteo Cagnoni dimora nell’Olimpo del crimine. Nel carcere di Bollate, vicino Milano, è arrivato il 18 marzo – ma lo si apprende ora –, trasferito da quello di Ferrara dove pare non se la passasse bene (eufemismo). Ufficialmente a portarlo qui sono stati motivi di studio. L’istanza del suo legale, avvocato Gabriele Bordoni, era infatti destinata a consentirgli la frequentazione di un corso in convenzione con l’università della Bicocca, altrimenti non possibile. Ha intenzione di prendere un’altra laurea, stavolta in psicologia, il dermatologo più famoso di Ravenna, ergastolo definitivo per l’omicidio della 39enne moglie Giulia Ballestri commesso il 16 settembre 2016 nella lugubre villa di via padre Genocchi. Chi lo ha visto di recente, o chi continua a ricevere le sue lettere fiume, ha di fronte un Matteo Cagnoni nuovo, diverso, disteso. Rigenerato da un ambiente meno oppressivo, quasi entusiasta del nuovo percorso intrapreso. Niente più ansiolitici per combattere gli attacchi di panico di cui al processo aveva fatto un cavallo di battaglia, stop a zuffe con le guardie e altri detenuti come succedeva a Ravenna e Bologna. Televisione, pc e internet nella cella – presto ne avrà una tutta per lui –, biblioteca, un giornale interno al quale è applicato con passione, tante attività che gli danno modo di trascorrere le giornate e sentirsi, a suo modo, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?