Gregorio Paltrinieri ha vinto il bronzo nei 10 km in acque libere
Gregorio Paltrinieri ha vinto il bronzo nei 10 km in acque libere

Modena, 5 agosto 2021 - Un'altra impresa da ricordare, per Gregorio Paltrinieri, un'altra medaglia che sa di miracolo. Certo, a pesare l'argento negli 800 metri e questo fantastico bronzo nella 10 km viene da recriminare per quello che non è stato e poteva essere: Greg avrebbe nuotato per cercare tre ori, e probabilmente ce l'avrebbe fatta. "Ma non ho tempo di pensare a quello che non è stato – sono le sue parole col fiato corto, appena terminata la gara vinta dal tedesco Wellbrock con l'ungherese Rasovszky argento –. Ci sono cose nella vita che non puoi cambiare, e la mononucleosi è una di queste. Ho fatto il massimo possibile".

Parole sagge, di un Paltrinieri che si vuole godere il bronzo della cosiddetta 'marathon swimming', terza medaglia olimpica di colore diverso in tre specialità a conclusione della sua Olimpiade: due medaglie, senza il metallo più pregiato che sognava da cinque anni, ma con l'orgoglio di essere andato oltre i suoi limiti.

Olimpiadi: i risultati di oggi - La diretta - Il medagliere

La gara

Wellbrock parte subito forte e per una buona mezz'ora nuota praticamente in solitaria. Paltrinieri non si fa distrarre, continua col suo ritmo consapevole che sarà la parte centrale quella decisiva. Infatti ai 6 km il gruppo si ricompatta e sembrano in sei a giocarsi le medaglie: con Wellbrock, Rasovszky e Paltrinieri ci sono anche il francese Olivier (che si staccherà poco dopo), l'israeliano Roditi e il greco Kynigakis. Lo strappo arriva all'inizio dell'ultimo giro. Wellbrock, che non ha mai mollato la testa, prova ad andare via, Rasovszky lo segue, Paltrinieri fatica. Il tedesco fa il vuoto, Paltrinieri riaggancia l'ungherese ma non ce la fa a metterselo dietro. Deve accontentarsi del bronzo, ma è un bell'accontentarsi.

Gregorio Paltrinieri

"Dopo i 1500 ero deluso, pensavo di aver perso un'occasione, oggi sono contento. Wellborck è andato via, ho provato a superare Rasovszky in tutti i modi ma ero cotto. Credo sia il giusto riconoscimento per tutti gli sforzi che ho fatto in questi ultimi due mesi d'inferno: avevo il desiderio di prendermi una medaglia anche in mare aperto, ci sono riuscito. Credo di meritarmi questo podio, anche perché io sarei voluto venire qua per provare a vincere tre ori. Purtroppo è cambiato lo stato di forma, ma non sono cambiato io, sono venuto qua per tentare lo stesso". Ora inizia la lunga rincorsa a Parigi 2024? "Io gareggerei di nuovo anche tra una settimana – sorride Gregorio – ma state sicuri che sicuramente ci riproverò, almeno finché il fisico me lo consentirà".

Fabrizio Antonelli

L'allenatore di Paltrinieri racconta di un miracolo: "Per due mesi abbiamo dovuto lavorare alla giornata, nel momento peggiore per Gregorio c'erano tanti pareri medici, alcuni anche che ci dicevano che non avrebbe potuto gareggiare. Non li abbiamo ascoltati e ora siamo qui".  

Tamberi torna a casa, festa ad Ancona