Bologna, 7 giugno 2021  - Michele Merlo non ce l'ha fatta. Il cantante è spirato nella tarda serata di ieri all'ospedale Maggiore, lo comunicano i consulenti della famiglia in una nota. Le sue condizioni erano peggiorate nel corso delle ore. Da giovedì sera lottava per la vita a seguito di un’emorragia cerebrale causata da una leucemia fulminante, malattia che l’artista non sapeva di avere. Immediatamente era stato trasportato all’ospedale Maggiore, dove era stato sottoposto d’urgenza, nella notte tra giovedì e venerdì, a un delicatissimo intervento chirurgico per un emorragia cerebrale.

Aggiornamento Merlo, la fidanzata: "Mi hai fatto credere nell'amore" - La Procura di Bologna indaga per omicidio colposo - II padre: "Troppe ombre sulla sua morte"

false

Di fronte al Maggiore si sono riuniti alcuni amici del 28enne, abbracciati. Quando i genitori hanno lasciato l'ospedale, nel primo pomeriggio, hanno scelto il silenzio: "Scusateci, scusateci", hanno detto proseguendo senza parlare con i giornalisti.

Focus Cos'è la leucemia fulminante: risponde l’esperto - Leucemia fulminante: sintomi e cause

Michele Merlo, 28 anni

La chiamata al 118 è giunta giovedì da parte di amici, a casa dei quali appunto Michele stava cenando. Questi hanno raccontato ai sanitari intervenuti che il cantante si era dapprima mostrato in stato confusionale, poi aveva avuto un attacco di convulsioni e, alla fine, si era accasciato cadendo in coma.

Il cordoglio social di amici, colleghi e fan - Le parole toccanti di Maria De Filippi

"Michele - ha fatto sapere ieri la famiglia in una nota - si sentiva male da giorni e mercoledì si era recato presso il pronto soccorso di un altro ospedale del bolognese che, probabilmente, scambiando i sintomi descritti per una diversa, banale forma virale, lo aveva rispedito a casa. Anche durante l'intervento richiesto al Pronto soccorso, nella serata di giovedì, pare che lì per lì non fosse subito chiara la gravità della situazione". L'Ausl bolognese, a quanto si apprende, sta conducendo una analisi interna dei fatti per ricostruire quanto accaduto.

image

Nel primo pomeriggio, l'Ausl ha espresso - in una nota -  vicinanza e cordoglio alla famiglia di Michele Merlo. "L’Azienda, sentita anche la famiglia, sta ricostruendo la vicenda a partire dal primo accesso del giovane all’Ospedale di Vergato, avvenuto nel pomeriggio di mercoledì 2 giugno, e dove risulta essere stato visitato dal medico di continuità assistenziale. E’ in corso inoltre la ricostruzione puntuale del soccorso in emergenza avvenuto il  giorno successivo che ha condotto all’intervento e al ricovero in Rianimazione. La direzione ha dato quindi mandato al Risk Manager aziendale di procedere ad attivare l’iter per un audit di rischio clinico", conclude la nota.

La famiglia Merlo, che ha lasciato l'ospedale Maggiore senza parlare, aveva anche voluto "smentire categoricamente quanto alcuni disinformati scrivono sui social: Michele non è stato in nessun modo vaccinato contro il Covid. Michele è stato colpito da una severa forma di leucemia fulminante con successiva emorragia cerebrale". Fan e colleghi, da Emma Marrone, che gli ha dedicato il concerto di Verona, a Francesco Facchinetti a Ermal Meta, da Federico Rossi (del duo Benji & Fede) a Aka7even, concorrente dell'ultima edizione di Amici, allo stesso programma di Maria De Filippi, hanno invaso nelle scorse ore i social di messaggi di affetto, incoraggiamento e solidarietà.

Chi era Michele Merlo

Merlo, 28 anni, era originario di Rosà, in provincia di Vicenza (vicino a Bassano del Grappa). Cantante noto con il nome d'arte Mike Bird, era stato semifinalista della edizione 2017 del talent 'Amici di Maria De Filippi' (video).

Una delle sue hit più amate è la canzone ’Tutto per me’, che su Spotify supera i quattro milioni di ascolti. Il musicista, seguito sui social da oltre 250mila persone, era anche scrittore: aveva infatti scritto il romanzo ’Cuori stupidi’, edito da Sperling & Kupfer e uscito nelle librerie nell’autunno dell’anno scorso, andando subito a ruba soprattutto tra i ragazzini.