Cesena, 28 aprile 2019 - Stavano litigando tra di loro i due uomini, in evidente stato di alterazione, che stamattina sono entrati e hanno quasi distrutto la Chiesa della Madonna della Misericordia del Lugaresi. La devastazione è avvenuta questa mattina, dopo la Pasqua ortodossa celebrata durante la notte e fino a quasi l'alba. Ad aggravare l'episodio, c'è un video ripreso poco dopo le violenze, diventato in poco tempo virale.

Leggi anche Il parroco: "Non so spiegarmi il gesto"

false

I responsabili sarebbero due romeni ubriachi - come racconta Marco Censi, direttore dell'Istituto dei Lugaresi - e appartenenti alla stessa comunità ortodossa che, litigando tra di loro, si sono colpiti ripetutamente e hanno distrutto i banchi della chiesa e altri oggetti (video).

image

I presenti hanno chiamato subito la polizia che è intervenuta a fermarli ed è stata costretta a ricorrere allo spray al peperoncino per riportare la calma. A quel punto lo scenario all'interno della chiesa era a dir poco deprimente: diversi banchi a terra, oggetti frantumati e molto sangue, che i due hanno perso ferendosi a vicenda durante la colluttazione. Visibilmente scossi i presenti e padre Silvius, che è stato richiamato in fretta e furia dai fedeli e, rientrato in chiesa, non ha potuto che constatarne lo sfacelo.

"Hanno rotto vetri e alcune panche, si sono tagliati - continua Censi, smentendo seccamente le voci che si sono diffuse nelle ore immediatamente successive l'episodio -. Ma gli estremisti islamici non c'entrano nulla.  Non diamo all'episodio connotati che non ha". Ad alimentare ore di tensione, infatti, c'è un video diventato in poche ore virale sui social e nelle chat. Uno dei primi a postarlo sui social è stato l'esponente della Lega, Massimo Bitonci.

image

"Chi ha fatto il video è un poliziotto intervenuto subito dopo l'episodio", spiega Censi. L'Istituto dei Lugaresi "ha una chiesa data in usufrutto alla comunità romena - dice il direttore - i festeggiamenti per la Pasqua ortodossa sono andati avanti fino a tarda notte. Quelle due persone avevano bevuto troppo".