Coronavirus 10 aprile 2021: bollettino dei contagi delle Marche
Coronavirus 10 aprile 2021: bollettino dei contagi delle Marche

Ancona, 10 aprile 2021 - Sono 414 i nuovi casi covid registrati, mentre le Marche si preparano ad un’altra settimana in arancioneI numeri dei contagi ma anche dei ricoveri sono in lento ma costante miglioramentosoprattutto rispetto a fine marzo. Intanto, soprattutto i commercianti tirano un sospiro di sollievo per la conferma nella stessa area cromatica di inizio aprile, nel giorno in cui il presidente Francesco Acquaroli ribadisce la necessità di tenere alta la guardia.

AGGIORNAMENTO Covid Marche 11 aprile 2021: bollettino contagi oggi. Tutti i dati

Zona gialla ad aprile: le date per la ripartenza e le regioni pronte - Marche in zona arancione: ma i numeri sono da gialla - Turismo Marche 2021, Acquaroli: puntiamo sull’arrivo degli stranieri

Marche: numeri da zona gialla

I dati regionali sono confortanti: l' Rt è sceso a 0,86. L'incidenza per 100mila abitanti è a quota 170. 

Coronavirus Marche: il bollettino del 10 aprile

Nelle ultime 24 ore, nelle Marche sono stati individuati 414 nuovi casi Covid-19, il 16,9% rispetto ai 2.450 tamponi, molecolari e antigenici, processati all'interno del percorso per le nuove diagnosi. Il rapporto positivi-test effettuati e' stabile rispetto al giorno precedente, quando era stato del 17%, con 452 nuovi casi su 2.661 tamponi. Il totale dei positivi individuati dall'inizio della crisi pandemica e' salito cosi' a 92.076. Lo si apprende dal primo aggiornamento del servizio sanitario regionale.

La mappa dei contagi

I nuovi casi sono stati individuati 76 in provincia di Macerata, 113 in provincia di Ancona, 107 in quella di Pesaro-Urbino, 37 nel Fermano, 58 nel Piceno e 23 fuori regione.

Come si contrae il virus

Questi casi comprendono 59 soggetti sintomatici, 112 contatti rilevati in ambiente domestico, 123 contatti stretti con positivi, 9 rilevati in ambienti di lavoro, 2 in ambienti di socialita', 1 in ambito assistenziale, 1 contatto con il coinvolgimento di studenti, 1 rilevato attraverso lo screening nel percorso sanitario e 2 casi provenienti da fuori regione; per altri 104 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Tra gli 4.753 tamponi complessivamente processati ieri, 769 erano antigenici e hanno rilevato 73 casi positivi (9,5%) da sottoporre al tampone molecolare.

I ricoveri

Continua ad allentarsi la pressione sugli ospedali delle Marche: i pazienti  covid sono 894, 24 in meno rispetto a ieri, dei quali 857 (-23) sono ricoverati nei reparti e 37 (-1) assistiti nei pronto soccorso. Nelle terapie intensive sono ricoverate 132 persone, 2 in meno rispetto a ieri: 37 (-1) a Pesaro, 30 a Torrette, 16 a Jesi, 26 (-1) al Covid Hospital di Civitanova Marche, 5 a Senigallia, 7 a Fermo e 11 a San Benedetto del Tronto.

Nelle aree di semi-intensiva sono assistiti in 199: 90 (+2) a Pesaro, 28 (+2) a Torrette, 6 (-2) al covid di Senigallia, 11 (-1) a Jesi, 11 a Macerata, 7 a Civitanova Marche, 28 al Covid Hospital, 4 a 
Fermo, 7 (-1) a San Benedetto del Tronto e 7 ad Ascoli Piceno.

Gli altri 526 (-21) pazienti sono ricoverati in reparti non intensivi: 38 (-5) al covid e 2 (-1) in psichiatria a Pesaro, 38 (+1) a malattie infettive, 23 (-3) al Cov4 e 1 in ostetricia a Torrette, 44 (-4) all'Inrca di Ancona, 16 (-1) all'Inrca di Fermo, 70 (-3) al covid di Jesi, 29 (-2) al covid di Senigallia, 7 a Fabriano, 42 a malattie infettive a 
Macerata, 14 al Covid Hospital e 11 (+1) a Civitanova Marche, 34 (+1) a Camerino, 48 (-2) a malattie infettive di Fermo, 56 (-2) al covid e 7 alla casa di cura di San Benedetto del Tronto, 10 (-1) a malattie infettive di Ascoli Piceno, 36 presso la casa di cura Villa Serena. 

In tutta la regione ci sono 7.321 persone in isolamento domiciliare, 58 meno di ieri, mentre nelle strutture territoriali sono ospitati complessivamente 254 pazienti (-1): 46 a Campofilone (Fermo), 22 (-2) a Chiaravalle (Ancona), 72 a Galantara (Pesaro-Urbino), 26 alla riabilitazione di Macerata Feltria (Pesaro-Urbino), 30 (-1) a Fossombrone (Pesaro-Urbino), 22 (+1) a Ripatransone (Ascoli Piceno) e 36 (+1) presso la residenza dell'Inrca di Ancona. Sono diventati complessivamente 81.138 i dimessi-guariti, 487 più di ieri.

I morti

Nelle Marche sono state oggi 11, dopo le 8 di ieri, le vittime correlate al covid, tutte con patologie pregresse: 5 donne e 6 uomini, di età compresa tra 56 e 98 anni. Sono diventati 2.771 i decessi dall'inizio della crisi pandemica, 105 dall'inizio di aprile: 1.556 uomini e 1.215 donne, con un'età media di 82 anni. In provincia di Pesaro-Urbino sono morte finora 923 persone, in provincia di 
Ancona 868, 462 in quella di Macerata, 265 nel Fermano e 224 nel Piceno. Tra le vittime ci sono anche 29 persone non residenti nelle Marche, ma decedute negli ospedali della regione.

Il ministro Gelmini lunedì nelle Marche

Il ministro per gli Affari Regionali, Maria Stella Gelmini, sarà il prossimo 12 aprile nelle Marche. Ad annunciarlo sono il vicepresidente dell'Assemblea regionale delle Marche, Consigliere regionale Fo, Gianluca Pasqui, e la capogruppo regionale Fi, Jessica Marcozzi. ''Il ministro Gelmini - spiegano i due azzurri - sarà in visita istituzionale in regione. Per le Marche è un appuntamento molto importante soprattutto per la rilevanza del dicastero che l'onorevole Fi, Maria Stella Gelmini, riveste nel quadro nazionale, essendo un fondamentale anello di congiunzione tra lo Stato, il governo e le Regioni. Con il ministro Gelmini, che incontrerà il presidente Francesco Acquaroli e il Commissario alla Ricostruzione, Giovanni Legnini, avremo modo di affrontare temi e argomenti fondamentali per il rilancio dell'economia regionale".

"A partire dalla gestione dell'emergenza Covid, le riaperture e il rilancio del commercio regionale, e la ricostruzione post-sisma, tema molto caro al Ministro Gelmini che già nelle vesti di Capogruppo FI alla Camera dei Deputati si era recata nelle zone dilaniate dal terremoto per fare il punto sulla ricostruzione", conclude la nota.

image

Astrazeneca: tra gli over 60 aumentano i rifiuti

La campagna vaccinale va avanti e si punta ad accelerare il più possibile, anche se sarà necessario procedere ad una rimodulazione dei diversi tipi di vaccino dopo le molteplici indicazioni che sono state fornite sul siero di AstraZeneca. Dapprima era previsto solo per i soggetti fino a 55 anni, poi si è detto che va bene a prescindere dall’età, purché i soggetti interessati siano in salute, infine è ora 'raccomandato' per chi ha più di 60 anni. Questo significa che è non è consigliato per chi ne ha di meno. Non a caso, dunque, già giovedì, ma anche ieri diversi insegnanti di età inferiore ai 60 anni che avevano fatto la prenotazione già da marzo, e per i quali era prevista la somministrazione di Astrazeneca, hanno invece ricevuto lo Pfizer. In questo modo aumenta la necessità di dosi Pfizer, ma va considerato che la platea degli ultrasettantenni in salute a cui si può somministrare l’Astrazeneca è ampia. 

Covid Marche: bollettino di ieri 9 aprile

Ieri, intanto, dal bollettino di giornata, qualche dato confortante è arrivato soprattutto dal fronte ospedaliero con una doppia significativa discesa. Calano, infatti, al netto dei posti purtroppo liberati per la causa più triste dei decessi, le presenze in terapia intensiva (134, meno quattro su giovedì), voce tra le più attenzionate in assoluto, visto che le Marche a livello nazionale sono una delle regioni con il tasso di occupazione più elevato (57%). In contrazione anche la cifra complessiva dei ricoveri per il virus (880), 13 in meno nello spazio di 24 ore. Continua a flettere, sebbene in maniera abbastanza contenuta, la curva epidemica dei contagi: ieri se ne sono registrati 452 nelle Marche e 124 nella provincia di Ancona che nei cinque precedenti venerdì aveva fatto segnare numeri decisamente più alti.

Coronavirus, le altre notizie del 10 aprile

Emilia Romagna zona arancione scuola: le superiori a metà

Il piano per riaprire bar e ristoranti: prenotazioni obbligatorie e niente contante

Zaia sprona il governo: ci dia le dosi. "Ma col virus bisogna convivere"

Bruxelles prenota 1,8 miliardi di vaccini. Ma l’Italia è pronta a comprarli da sola