Marche in zona gialla: la giunta è soddisfatta
Marche in zona gialla: la giunta è soddisfatta

Ancona, 4 dicembre 2020 - E' arrivato il verdetto tanto atteso. Da domenica le Marche tornano in zona gialla. Ormai da giorni i marchigiani, in primis il governatore Francesco Acquaroli anelavano al ritorno nella fascia di rischio meno elevato, abbandonando il più restrittivo arancione.

Aggiornamento Marche zona gialla dal 6 dicembre. Acquaroli: "Ora curiamo le ferite"

Il Cts (Comitato tecnico scientifico) si è riunito oggi per valutare la gravità del contagio nelle diverse regioni d'Italia, ed eventualmente cambiare i colori delle zone (rosso, giallo e arancione, come è noto) tenedo conto di 21 indicatori, tra cui numero di casi sintomatici, ricoveri e il famigerato indice Rt. E ora il responso è arrivato e  l'attesa per le Marche è finita: l'allentamento delle misure scatterà domenica 6 dicembre, proprio nei giorni che precedono le festività natalizie (la prima è il ponte dell'Immacolata) e il Dpcm Natale che tanto fa discutere. 

La scheda Zona gialla: regole su spostamenti, negozi e ristoranti. Cosa si può fare e cosa no

Gimbe Coronavirus: Rt e ricoveri in Emilia Romagna e Marche 

Acquaroli soddisfatto ma invita alla prudenza

A darne notizia è stato il presidente Acquaroli in un post su Facebook: "Finalmente è arrivata la conferma che tutti aspettavamo: da domenica torniamo in zona gialla. Questa notizia ci fa piacere ma non deve essere considerata come una esenzione da ogni responsabilità. Il virus continua a circolare e ogni giorno registriamo un numero di soggetti positivi ancora cospicuo".

"Il colore della regione passa ora nelle vostre mani"

"Se non è necessario - ha aggiunto Acquaroli - dobbiamo dunque cercare evitare luoghi di potenziale affollamento, dobbiamo tutti impegnarci al massimo per far in modo che la nostra regione resti stabilmente in fascia gialla. Mi raccomando, il colore della nostra regione è nelle vostre mani. Vi prego di aiutarci!"

Da tempo il governatore andava  ripetendo che le Marche non meritavano di diventare arancioni proprio in un momento in cui la curva dei contagi stava iniziando ad appiattirsi. "Le cifre dicono che è giusto attendersi il ritorno in zona gialla - aveva detto -  ma se ciò si verificherà non possiamo assolutamente interpretarlo come un tana libera tutti: anche durante il periodo natalizio dovremmo continuare a fare attenzione e usare il buon senso, rispettando le regole, visto che poi tra una fascia cromatica e l’altra le differenze non sono enormi". 

Le altre notizie Emilia Romagna torna zona gialla da domenica 

Indice Rt ancora in calo: 0,86

Rt in ulteriore calo nelle Marche: nel monitoraggio della Fondazione Gimbe nell'ultima settimana che va dal 25 novembre al primo dicembre l'Rt è passato infatti dallo 0,91 allo 0,86 (-0,05).

Curva e ricoveri in discesa

Il tasso di incidenza tra nuovi positivi e tamponi effettuati scende al 18,16%, secondo il bollettino Covid del 3 dicembre. Quasi otto punti percentuali rispetto al giorno precedente quando si era attestato sul 26,3%. Ancora in sensibile discesa nelle Marche il numero di ricoverati per Covid-19 che è passato da 650 a 614 (-36): ben 34 i degenti in meno nei reparti non intensivi (da 418 a 378), cinque in meno in Semintensiva (da 153 a 148) e tre in più in Terapia intensiva (da 85 a 88).

Il vicepresidente Carloni: "Marche contrarie al Dpcm Natale"

"Esprimo il totale disappunto della Regione Marche per questo modo di procedere del governo senza alcun confronto: le chiusure anche a Natale penalizzano i cittadini e creno forti disparità". Lo dichiara il vicepresidente Mirco Carloni, che ha detto di aver ricevuto "la scorsa notte la bozza del Dpcm, che non tiene conto delle nostre posizioni, nemmeno quelle concordate in conferenza delle Regioni""Abbiamo espresso un giudizio negativo e la nostra contrarietà rispetto alle decisioni del governo, che anche a Natale costringe i cittadini a non spostarsi tra comuni. Queste posizioni creano forti disparità tra i cittadini, non tengono affatto conto che in Italia e in particolare in regioni come le Marche, esistono centinaia di piccole realtà, tanti piccoli comuni e con una popolazione spesso anziana che rischia di restare sola e isolata anche durante le festività natalizie".
Il vicepresidente della Regione Marche ha parlato di "decisioni che avranno una ricaduta sociale soprattutto sulle fasce più fragili della popolazione" e di aver ricevuto "i sentimenti negativi rispetto a queste scelte". "Questo modo di fare crea un danno enorme al nostro territorio, dove la penalizzazione sulla mobilità intercomunale incide fortemente anche dal punto di vista economico", ha detto aggiunto Carloni. "Siamo entrati in zona arancione ingiustamente, senza alcun preavviso e senza alcuna concertazione con le autorità centrali, nonostante dati che già cominciavano a stabilizzarsi e a scendere, come dimostra il calo dell'indice Rt delle ultime settimane".

"C'è una totale mancanza di dialogo, il confronto è soltanto formale, non c'è nulla di sostanziale", ha concluso il vicepresidente della Regione Marche. "Quando un governatore o addirittura tutta la Conferenza fanno delle proposte congiunte, ragionevoli e calate sui territori, e puntualmente queste proposte cadono nel vuoto, di fronte a questo modo di procedere ci pare evidente che il nostro parere, il parere delle Regioni che rappresentano i cittadini, non interessi a nessuno".