Il presidente dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini
Il presidente dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini

Bologna 12 agosto 2021 - Un attacco a tutto campo ai negazionisti del virus, ai no vax e agli scettici del Green pass. Il tutto con particolare riferimento alla leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. Su Facebook il presidente dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini sostiene la bontà della certificazione verde e invita ad andare avanti nella campagna vaccinale.

Vaccino 12 19 anni in Emilia Romagna: senza prenotazione in tutti gli hub - Covid Bologna: a 23 anni in terapia intensiva. "Non è vaccinata" - Zona gialla: Emilia Romagna, Marche e Veneto non rischiano - Contagi oggi in Italia: il bollettino Covid del 12 agosto. Dati Coronavirus dalle regioni - 

"Il Green pass ci ha aiutato a riaprire tantissime attività che altrimenti sarebbero rimaste chiuse. E' un aiuto all'economia", è il pensiero del presidente. Che prosegue: "Inutile girarci intorno se abbiamo potuto permettere di riaprire la quasi totalità delle attività commerciali, culturali, sportive e turistiche prima chiuse e' stato grazie all'aumento delle vaccinazioni e, di conseguenza, nonostante l'arrivo della quarta ondata, il contenimento dei ricoveri nei reparti covid e di terapia intensiva (dove i nuovi ingressi riguardano quasi esclusivamente persone non vaccinate)".

Il presidente ha poi attaccato direttamente la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, che da tempo si dice profondamente contraria al certificato verde. Meloni "fa opposizione, si schiera contro il Green pass sostenendo che sia scelta economicida e che affossi il turismo". Per il presidente è una posizione legittima. Ma "altrettanto legittimamente io sostengo che se fai opposizione oltre alla protesta sarebbe utile affiancare una proposta, che in questo caso manca completamente". Anzi, "entrando nel merito della durissima critica ad un provvedimento che io credo invece sia apprezzato dalla maggioranza degli italiani, vengono in mente tre esempi che contraddicono la leader di Fratelli d'Italia".

Intanto, elenca il governatore Pd, "se dici che il green pass è economicida come si spiega che l'unica attività oggi chiusa (i locali da ballo) veda lo stesso sindacato più rappresentativo della categoria chiedere di farli riaprire utilizzando il green pass?". Una scelta, aggiunge peraltro Bonaccini, "che io condivido perché l'unico effetto che si sta ottenendo è il proliferare di feste private in cui si balla lo stesso e nessuno controlla nessuno".

Green pass, la replica di Giorgia Meloni a Bonaccini

All'attacco del presidente emiliano romagnolo Bonaccini non si è fatta attendere la replica, sempre su Facebook, della leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. "Il Pd si mobilita e fa uscire dichiarazioni in serie di suoi esponenti contro di me per aver detto che il Green Pass è una misura che uccide la nostra economia senza essere utile a fermare il contagio. Il ritornello è sempre lo stesso: 'Il Green Pass impedisce le chiusure'. Solo che i dati dicono tutt'altro, del resto non si capisce come misure così insensate (tipo l'obbligatorietà del Green pass al bar per chi vuole sedersi ma non per chi vuole prendere il caffè al bancone) dovrebbero fermare il contagio. Facciamo così, cari colleghi: se a ottobre torneranno la Dad o le chiusure, nonostante queste vostre intelligenti misure, mi aspetto come minimo che - oltre a provvedere ai risarcimenti - chiediate pubblicamente scusa alle attività che state devastando e sulle quali scaricate responsabilità che dovrebbero appartenere al governo. Chi ci sta?".

Covid: le ultime notizie

Covid Bologna: a 23 anni in terapia intensiva. "Non è vaccinata"

Green pass dopo la prima dose: come e quando si ottiene

Zona gialla: Sicilia e Sardegna salve per i ricoveri. Tutti i nuovi dati delle regioni

"Vaccini efficaci al 16% dopo otto mesi". A settembre scatterà la terza dose

Zona gialla: Sicilia e Sardegna salve per i ricoveri. Tutti i nuovi dati delle regioni

Green pass, i modi per evitarlo

"Vaccini efficaci al 16% dopo otto mesi". A settembre scatterà la terza dose

Sono così cinque le regioni italiane colorate di rosso nella mappa europea