Bologna, 7 gennaio 2022 - Covid, mentre in Italia si registra un picco dell'indice Rt (e l'incidenza addirittura raddoppia), L'Emilia Romagna è tra le quattro regioni che lunedì finiranno in zona gialla insieme a Toscana, Abruzzo e Valle d'Aosta. Così ha decretato il ministro della Salute Roberto Speranza firmando le ordinanze per il passaggio dalla zona bianca alla zona gialle. Capitolo a parte la Liguria, che sfiora la zona arancione. Non è certo una sorpresa: l'assessore alla Salute Donini l'aveva detto a chiare lettere giorni fa: "L'orizzonte è vicino". E anche stamattina dava per certo il passaggio in zona gialla della regione: "Ho inviato tra ieri e oggi al ministero dati che ci portano in zona gialla", cioè 15,7% posti occupati terapia intensiva su soglia 15% e 20,5% nei reparti su 18%".   

Emilia Romagna in zona gialla: le regole dal 10 gennaio 2022

Emilia Romagna verso la zona gialla

Le nuove regole sulle quarantene: tampone solo ai sintomatici

I dati della Cabina di regia

Ecco in sintesi il quadro che emerge dagli indicatori decisionali al vaglio della cabina di regia riunita questa mattina. Nell'ultima settimana hanno superato le soglie "gialle" del 10% di intensive e del 15% di ricoveri ordinari, oltre all'Emilia Romagna (15,7% e 19,4%), anche Abruzzo (13,3% e 18,7%), Toscana (17,2% e 17,9%) e Val d'Aosta (15,2% e 42,4%).
 Dovrebbero così aggiungersi alle 11 regioni già in giallo, ossia Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, PA Bolzano, PA Trento, Piemonte, Sicilia e Veneto. Sfiora la zona arancione la Liguria, che è oltre il parametro del 30% di ricoveri ordinari (al 34,2%) ma subito sotto quello del 20% per le intensive (al 19,5%).
A rischio per la prossima settimana anche Piemonte (con le intensive oltre soglia al 21,7% e i ricoveri sotto al 26%) e le Marche (23,9% e 24,1%). 

Incidenza: i valori più alti

Quanto all'incidenza, il valore più alto si registra in Toscana, ben 2.680 casi per centomila abitanti, seguita da Lombardia (2.578), Val d'Aosta (2.255), Umbria (2.235) e Emilia Romagna (2.153). 

I dati Agenas sui ricoveri

Tutti i parametri della pandemia Covid sono in crescita. Secondo Agenas (dati del 6 gennaio) in Italia crescono dell'1% sia le terapie intensive che i ricoveri in area non critica, mentre in Emilia Romagna le intensive sono stabili al 16% ma i ricoveri crescono dell'1% e vanno al 19%.

 

Ricevi l'informazione di qualità direttamente a casa tua con le nostre testate.