L'ingresso di una scuola superiore
L'ingresso di una scuola superiore

Fano, 7 maggio 2021 - "Si porti subito questo ragazzo in seno alla sua famiglia e si assista lui e i suoi cari con quella prossimità necessaria e di civiltà", ha scritto ieri Vito Inserra dell’associazione Libera.mente. Perché l’incredibile vicenda dello studente che si è incatenato al banco della scuola per protestare con l’imposizione delle mascherina e poi ricoverato in psichiatria a Pesaro, ha suscitato reazioni anche a livello nazionale.

L'aggiornamento Tso al ragazzo di Fano, dimesso lo studente che aveva rifiutato la mascherina in classe-  Tso studente mascherina Fano, a Muraglia spuntano i no mask

Tra le telefonate anche quella del senatore della Lega Armando Siri: "Voglio i dettagli di questa vicenda – dice – che ha dell’incredibile.Andrò a fondo". Poi aggiunge: "Mi sto informando per avere dettagli. Ma se fosse vero sarebbe di una gravità inaudita che ad un adolescente venga fatto un Tso a scuola perché inscena una protesta. Ma viva Dio! Li vogliamo tutti imbanbolati, rimbecilliti davanti ad un computer e senza spirito critico? Nessuna evoluzione si realizza senza attrito tra generazioni. Le interperanze giovanili sono il sintomo di una società viva e noi che facciamo? Invece di confrontarci la sediamo, le soffochiamo con la forza? E’ dovere della politica e delle istituzioni approfondire questa vicenda nei minimi dettagli non accontentandosi certo che venga derubricata con la frase frettolosa ‘tanto questo è matto’. Perché è inaccettabile. Su questa vicenda occorre fare chiarezza senza esitazioni e approssimazioni".

La cosa che ha colpito tutti è stata la scelta del trattamento sanitario obbligatorio. Dibattito anche in città con tutti i giovani che frequentano l’istituto, che si dicono solidali con il ragazzo, ma la discussione si è aperta anche tra i docenti; più quelli che ritengono il provvedimento eccessivo di quelli che invece sostengono la tesi "che il ragazzo andava fermato prima".

"Mi dicono che mi terranno qui per una settimana", rispondeva ieri il giovane al cellulare. Calmo, tranquillo. "Devo dire la verità, io lo seguo da un anno – dice uno degli insegnanti – e si è sempre comportato bene con i compagni di classe che fra l’altro gli vogliono bene. Mai un atteggiamento aggressivo anche se parlava sempre in terza persona. Anzi un giovane che dà soddisfazioni perché ha sempre approfondito quello che si era spiegato in classe. Alcuni docenti ne hanno chiesto l’allontanamento, ma io non sono mai stato d’accordo e sostengo la linea della preside".

Ma la cosa che ha colpito è "quel parlava in terza persona". Che fa riferimento al manipolatore che da mesi è dietro a questo giovane "perché è forse lui il vero caso psichiatrico", commenta un medico. L’uomo che la preside, quando lo ha visto davanti all’istituto, ha detto: "Volevo scendere e dargli un pugno in faccia". Un problema questo che si è posto anche il sindaco Massimo Seri che conosce bene la vicenda: "Il problema vero qui è capire chi è questo presunto ’costituzionalista’ che ha manipolato questo ragazzo".

Massimo Seri è quello che ha firmato il ricovero "ma è un atto dovuto, perché il ricovero forzato – continua lo psichiatra – deve essere proposto da un medico e controfirmato ad un altro collega. La firma del sindaco è solo un atto formale". Il ricovero deve essere avallato anche da un giudice del tribunale.

Vito Inserra di Libera.mente insorge: "Due ore non sono bastate per convincerlo? Bene si prosegua con tutto il tempo e la pazienza necessarie". Ed aggiunge: "Non ci sono risorse umane e disponibilità di servizi? Non è una giustificazione per passare alle vie di fatto come è accaduto per questo giovane che non voleva fare la guerra ai marziani o proclamarsi Napoleone, visto il periodo. Voleva solo, in modo evidente e scomodo, dire che la nostra Carta va attesa anche nelle libertà personali... Non prendiamo l’abitudine di risposte brevi per questioni che necessitano di ponderazione e di calma. E’ difficile e impegnativo ciò? Sì, lo è e tale comportamento fa la differenza tra una medicina di territorio civile e una medicina vista solo come correzione e non come salute e guarigione".

Il partito Potere al Popolo scrive: "Pur considerando la necessità di indossare i dispositivi di protezione, riteniamo inaccettabile e protestiamo contro questo trattamento fascista, con la scusa dell’emergenza Covid. Bastava accompagnare il ragazzo a casa. Non può accadere che si venga internati perchè si sta protestando contro una disposizione di legge. Chiediamo la liberazione del ragazzo".

m.g.