Sicurezza e decoro urbano Gli interventi di Ciarpella

Il sindaco: "Abbiamo fatto un programma per la cura del verde e gli sfalci". Polizia locale in giro anche la notte "ma il turno finisce all’una e riparte alle 5". .

Sicurezza e decoro urbano  Gli interventi di Ciarpella

Sicurezza e decoro urbano Gli interventi di Ciarpella

Manutenzioni, pulizia e decoro del verde; attenzione per la sicurezza in particolare, visto il periodo estivo, per le attività balneari a continuo rischio furti e atti vandalici: sono stati i leit motiv della campagna elettorale appena terminata ed è su queste due problematiche che si sta concentrando l’attività delle prime settimane da sindaco di Massimiliano Ciarpella. "Ci siamo gettati a capofitto sul decoro dandoci una programmazione per gli interventi nella cura del verde e degli sfalci, dandone comunicazione alla cittadinanza. Aumenteremo il personale addetto con l’assunzione, a tempo determinato (fino al 30 settembre), di due giardinieri (al momento ce n’è solo uno) il cui lavoro si sommerà a quello della ditta incaricata. È prioritario tenere una città in ordine, soprattutto in estate".

E poi c’è il discorso della sicurezza: "Devo riconoscere l’attenzione e la sollecitudine con cui il Prefetto, Michele Rocchegiani, ha recepito le istanze dei Comuni rivieraschi convocando subito, per lunedì mattina, un tavolo per l’ordine pubblico e la sicurezza" informa Ciarpella. "D’altra parte - prosegue - si tratta di una questione molto sentita sulla costa fermana. In quella sede istituzionale, noi vorremo portare le nostre proposte. Negli incontri che abbiamo avuto con gli operatori balneari, questi si sono mostrati sempre disponibili a collaborare, a investire del loro, nella implementazione della videosorveglianza sul lungomare, attraverso un programma puntuale e condiviso, ma anche in un servizio di vigilanza privata da gestire in partenariato tra pubblico e privato".

Il fatto è che, in estate, sono sì, operative le pattuglie notturne della Polizia Locale, "ma all’1 finisce il turno, e fino alle 5 del mattino si crea una sorta di zona franca in cui per i malviventi è più facile entrare in azione. Essendo il nostro lungomare piuttosto esteso, diventa difficile anche per le pattuglie delle forze dell’ordine riuscire a tenere tutto sotto controllo per cui, potrebbe essere condivisibile e fattibile prevedere una vigilanza privata, con due auto che controllino il territorio. Noi lo chiederemo al tavolo convocato in Prefettura, perché crediamo sia importante garantire una copertura anche in quella fascia oraria in cui si verificano episodi criminosi, atti vandalici e fatti anche più gravi. In questo contesto, vedere circolare auto dei vigilanti o con i lampeggianti può scoraggiare i malviventi".

Marisa Colibazzi