Un carico di umanità per l’Ucraina devastata

L'ex colonnello dei carabinieri Andrea Firrincieli porta aiuto alla popolazione Ucraina con l'associazione Mediterranea Saving Humans. 500 chili di pasta donati, alimenti a lunga conservazione e prodotti per l'igiene sono stati distribuiti nei 7 campi profughi di Leopoli. Un gesto concreto di solidarietà.

Un carico di umanità per l’Ucraina devastata
Un carico di umanità per l’Ucraina devastata

C’è solo l’ex colonnello dei carabinieri Andrea Firrincieli, impegnato nel portare aiuto alla popolazione Ucraina, fin dallo scoppio della guerra quasi due anni fa, come esponente ferrarese nella spedizione umanitaria "Estense-Felsinea" dell’associazione Mediterranea Saving Humans. Un Van, messo a disposizione dal direttore artistico del Jazz club di Ferrara, riempito con scatoloni di generi alimentari, ben 500 chili di pasta donati da Massimo Andalini del pastificio di Cento, alimenti a lunga conservazione, ma anche prodotti per l’igiene, sia quella personale, che pannoloni per adulti e bambini, mascherine chirurgiche. La partenza il pomeriggio dell’ultimo dell’anno e dopo, 5 ore, una prima tappa in Slovenia e dopo altre 17 l’arrivo a Leopoli, città dell’Ucraina occidentale, a 70 chilometri dal confine con la Polonia. Alla guida si sono alternati nel lungo viaggio Firrincieli, doveva esserci anche Riccardo Giori ma per un impegno improvviso a malincuore ha dovuto rinviare, e Fabrizio un volontario di Molinella. Il ritorno è previsto con partenza la mattina dell’Epifania ed arrivo la domenica successiva in tarda mattinata. Giunti a Leopoli alle 23,30 a coprifuoco già iniziato espletate le formalità, i due volontari sono riusciti ad andare a riposare verso le 2, ma alle 6,23 "tutti giù dal letto e corsa in rifugio per allarme bombardamento – racconta Andrea - finito alle 9,45. Un viaggio che ci ha mostrato, dal vivo, l’inutile crudeltà dell’uomo verso altri uomini, per questioni legate alla voglia di potere da parte del presidente russo Putin. Tuttavia – aggiunge ancora – c’è una dignità ed una gratitudine degli Ucraini veramente inimmaginabili". I prodotti, in parte donati da enti e persone, ed in parte frutto dell’impegno degli stessi volontari dell’associazione Mediterranea Saving Humans, saranno distribuiti in gran parte nei 7 campi profughi di Leopoli, a dimostrazione di una solidarietà vera e concreta.

c. c.