PAOLA PAGNANELLI
Cronaca

Marco Staffolani morto per un malore a 29 anni, indagati tre medici

Dieci giorni prima della morteil ragazzo era andato all’ospedale di Camerino per dolori alla schiena. Oggi sarà eseguita l’autopsia

Marco Staffolani avrebbe compiuto trent’anni l’11 novembre

Marco Staffolani avrebbe compiuto trent’anni l’11 novembre

Montecassiano (Macerata), 3 novembre 2021 - Tre medici dell’ospedale di Camerino sono indagati, in seguito alla morte di Marco Staffolani, il montecassianese che l’11 novembre avrebbe compiuto 30 anni. Da qualche tempo Staffolani, che lavorava in una ditta di ricambi per moto a Piediripa, abitava a Camerino con la fidanzata. Domenica sera la coppia aveva raggiunto alcuni amici a Montecassiano per guardare la partita insieme. Ma intorno a mezzanotte, il 29enne ha avuto un malore.

Marco Staffolani morto a 29 anni, l'autopsia: difetto congenito all’aorta

Marco Staffolani morto a 29 anni per infarto. Choc a Macerata

Purtroppo i medici del 118, subito chiamati, non avevano potuto fare altro che constatare la sua morte. Dai primi accertamenti condotti dai carabinieri, è emerso che Staffolani una decina di giorni fa era andato all’ospedale di Camerino, lamentando forti dolori alla schiena.

Muore a 29 anni alla cena con gli amici "Malore fatale". La Procura apre un’inchiesta

I militari, su disposizione del sostituto procuratore Enrico Riccioni, hanno acquisito subito le cartelle cliniche scoprendo così che il giovane uomo era stato sottoposto a una visita piuttosto accurata in ospedale, con vari esami tra cui l’ecografia all’addome e la radiografia. Un primo sospetto – ancora tutto da verificare – è che Staffolani possa aver avuto una dissecazione dell’aorta, che tra i sintomi ha anche il dolore alla schiena.

Per accertarlo, la procura ha incaricato il medico legale Antonio Tombolini di eseguire un’autopsia. L’esame sarà svolto questa mattina all’obitorio di Macerata. Per consentire ai medici di partecipare all’accertamento e di difendersi, nominando anche propri consulenti, il sostituto procuratore Riccioni ha inviato l’avviso di garanzia ai tre professionisti dell’ospedale di Camerino che visitarono Staffolani.

Sono ancora da accertare comunque le cause delle morte, e di conseguenza le eventuali responsabilità. Si dovrà verificare cosa sia stato detto al montecassianese in ospedale, e se lui avesse ancora sofferto per il dolore alla schiena. Solo dopo aver completato gli accertamenti medico legali, la salma potrà essere restituita alla famiglia, per la celebrazione del funerale. Il padre Angelo, la madre Marina e il fratello maggiore Andrea, e con loro Veronica, la fidanzata di Marco, sono sotto choc per la perdita del 29enne improvvisa e straziante. Staffolani era ben voluto da tutti, "simpatico, allegro, un bravo ragazzo" lo definiscono tutti. Tantissimi messaggi di cordoglio hanno raggiunto i suoi familiari, anche attraverso i social network: la notizia di quanto accaduto ha avuto grande clamore, suscitando profondo dolore.