"Peccato, è stata una grande gara"

FORLÌ Perdere una gara dominata, con tanti episodi arbitrali inspiegabili, è un boccone am...

"Peccato, è stata una grande gara"
"Peccato, è stata una grande gara"

Perdere una gara dominata, con tanti episodi arbitrali inspiegabili, è un boccone amaro da mandare giù, ma Riccardo Motta prova a guardare il lato positivo dell’ottima prova del Carpi. "Credo che sia la strada giusta e lo dico dopo una sconfitta – le parole del d.s. unico a parlare in casa biancorossa – perché abbiamo giocato una grande gara sul campo di una squadra che lotterà come noi lassù in alto. Purtroppo era una gara che andava chiusa quando abbiamo avuto le chance nel primo tempo, ma ci è girata anche male. I dettagli fanno la differenza nel calcio e questa volta ci sono girati tutti contro. Abbiamo perso in modo immeritato, ma questo fa ancora più male". Si parla ovviamente della direzione arbitrale di Franzò. "Voglio vedere le immagini prima di dire la mia – prosegue Motta – ma Sall arriva da fuori area, la vedo dura che sia in offside e il segnalinee ci ha detto che era lui quello oltre tutti, non è spiegabile. Poi c’è l’altro episodio che forse qualcuno non ha visto perché avvenuto di fronte alla panchina, ma il fallo laterale da cui nasce il loro 1-1 era a nostro favore ed è stato invertito dall’assistente. Ovvio che noi dovevamo comunque essere più pronti in quella palla…". Il Carpi ha perso metri quando è uscito Cortesi. "Oggi Matteo ha fatto vedere tutta la sua qualità – ancora Motta – e purtroppo quando è uscito per un acciacco ci siamo abbassati troppo, faticavamo a tenere palla anche se abbiamo comunque creato ancora occasioni. Lorenzi? (nella foto) Si è meritato il debutto i e sfido a trovare uno che abbia pensato fosse la sua prima gara fra i grandi. Mercato? Stiamo lavorando su vari fronti. Dietro siamo contati e serve qualcuno". In casa forlivese fa festa Mauro Antonioli. "Dopo il gol ci siamo disuniti e abbiamo richiesto il secondo, ma poi per l’impegno messo la squadra ha meritato di vincere".

d.s.