Lo chef Barbieri mattatore: "Siete baciati dalla fortuna, avete il tartufo bianco"

Alla fiera di Sant’Angelo in Vado premiato il noto cuoco nonché conduttore. La città invasa da 3500 motociclisti per il tradizionale motoraduno annuale.

Lo chef Barbieri mattatore: "Siete baciati dalla fortuna, avete il tartufo bianco"
Lo chef Barbieri mattatore: "Siete baciati dalla fortuna, avete il tartufo bianco"

Sant’Angelo in Vado (Pesaro urbino), 17 ottobre 2023 – Il tartufo è una cosa seria e può diventare una di quelle eccellenze italiane che possono fare breccia nel cuore e nel palato degli stranieri. È questa la filosofia dello chef Bruno Barbieri, premiato ieri a Sant’Angelo in Vado con il Tartufo d’Oro, tanto che il cuoco emiliano ha aperto un ristorante negli Stati Uniti da dove racconta il gusto e la tradizione italiana: "Far ristorazione non è più ’riempirsi la pancia’ ma un movimento culturale e le eccellenze come il tartufo non possono che essere un valore aggiunto, parola mia che provengo da una famiglia di tartufai, con un nonno che passava interi giorni nel bosco con il suo cane Moschina".

Approfondisci:

Acqualagna e il tartufo: una fiera tutta da gustare

Acqualagna e il tartufo: una fiera tutta da gustare

"Questa è una città baciata dalla fortuna - ha detto poi Barbieri con una pepita di tartufo sotto il naso- perché quello dove nasce il tartufo non può che essere un bel paese con bella gente. Si arriva qui, si gusta un piatto di tagliatelle al tartufo, ed è tutto più bello". L’assessore regionale all’agricoltura Andrea Maria Antonini ha sottolineato la capacità di chef Barbieri di "saper raccontare l’Italia. L’ospitalità e l’accoglienza sono punti di forza delle Marche e questa è una regione dove si vive e si mangia bene, una regione antistress. Il tartufo costituisce un’eccellenza della nostra proposta e la Regione sta lavorando per la sua tutela e valorizzazione".

Questo weekend ha visto anche il 45esima Motoraduno Internazionale del Tartufo che ha richiamato in città centauri da tutta Europa. Tanti i belgi, i tedeschi, gli austriaci e i francesi scesi fino in riva al Metauro per un evento che si conferma sempre più atteso dagli amanti delle due ruote: "Abbiamo superato i mille iscritti - spiega Daniele Cosmi, presidente del Motoclub organizzatore- e questi numeri dicono che siamo tra i primi motoraduni in Italia, ma se parliamo con le persone che vengono ci dicono che siamo al primo posto. Qui infatti il raduno è nel centro della città a contatto con gli abitanti: a Sant’Angelo il rombo dei motori non è un rumore ma il suono di tanti amici (3.500 quest’anno, ndr) che tornano sempre". Infine, il costo del tartufo bianco pregiato: i prezzi superano di poco i 2mila euro per la pezzatura media.