Il personale della polizia locale mentre controlla gli ingressi dell’Oasi
Il personale della polizia locale mentre controlla gli ingressi dell’Oasi

Milano Marittima (Ravenna), 22 luglio 2020 - Continua fitto il lavoro del personale della polizia locale di Cervia che, nel weekend appena trascorso, ha effettuato 234 controlli alle attività commerciali e ben 102 ore di attività svolte all’interno dell’oasi di Milano Marittima. In totale, da venerdì 17 a domenica 19, sono stati effettuati 18 turni in centrale e 69 sul territorio per interventi di polizia stradale, abusivismo commerciale e controlli covid. Su questo versante, sono state controllate 234 attività. Ma il dato più importante sono le 72 le ore di controllo degli arenili e le 102 ore nell’oasi.

Leggi anche "Stare distanziati in discoteca è impossibile"

Nell’arco del weekend sono stati redatti 8 verbali. Di questi, due riguardano la violazione dell’ordinanza ’decoro (e sono finite nelle mani di due ragazzi a petto nudo), altre due ad attività che vendevano alcolici fuori orario, uno per una violazione edilizia, un altro ad un albergo, che stava facendo intrattenimento musicale senza apposita comunicazione e due ad altrettanti artisti di strada, rei di aver fatto intrettenimento musicale su suolo pubblico. L’ultima invece, oltre ai 280 euro di sanzione, ha portato anche a 5 giorni di chiusura del King, il locale di viale Tritone: i clienti non stavano rispettando le distanze di sicurezza in pista e al bancone. "Poi abbiamo sequestrato del cocco a venditori ambulanti in spiaggia", spiega Sergio Rusticali, facente funzioni di comandante della polizia locale.

Che poi spiega come funzionerà la futura collaborazione con la polizia locale di Ravenna. "Partiranno dei servizi di rispettivo supporto – continua Rusticali –, che inizialmente interesseranno soprattutto le località limitrofe, come Lido di Classe, di Savio e Milano Marittima". Al momento questa unione di forze è prevista solo per il weekend, "con il personale di Ravenna che ci darà una mano in particolare a gestire la movida, ma non è detto che in futuro non possa allargarsi sia ad agosto che, poi, continuare in autunno, con i nostri uomini che potrebbero intervenire a Lido di Classe, senza far venire uomini da Ravenna, più lontana. Ma dobbiamo mettere ancora a punto i servizi che andremo a fare, la definizione completa sarà fatta più avanti". Di certo, Ravenna darà man forte già a partire da questo weekend.