L'avvocato Tarquini e il sindaco Carletti (foto Artioli)
L'avvocato Tarquini e il sindaco Carletti (foto Artioli)

Reggio Emilia, 3 agosto 2019 - Il giudice per le indagini preliminari Luca Ramponi di Reggio Emilia ha confermato gli arresti domiciliari per il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti (ora sospeso dalla Prefettura). La decisione rientra nell'ambito dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' su un presunto giro di affidi illeciti dei servizi sociali in Val d'Enza.

Leggi anche Bibbiano, l’ultimo giallo. Spuntano affidi 'fantasma' - Quattro bimbi restituiti alle famiglie naturali

Carletti, che si è autosospeso dal Partito Democratico, è accusato di abuso d'ufficio e falso ideologico e si trova agli arresti domiciliari dal 27 giugno. Il suo avvocato difensore, Giovanni Tarquini, nei giorni scorsi aveva presentato una corposa memoria difensiva spiegando come per gli incarichi alla onlus di Torino 'Hansel e Gretel' (al centro delle contestazioni) Carletti si fosse rifatto a leggi regionali e come avesse agito sempre nella legalità. Il Gip, questa mattina, ha però confermato per lui gli arresti.

La replica del legale: "Evidente un pregiudizio di fondo" 

L'avvocato Giovanni Tarquini, difensore del sindaco di Bibbiano Andrea Carletti (sospeso dal prefetto) replica al rigetto del Gip di Reggio Emilia degli arresti domiciliari, nell'ambito dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sul presunto giro di illeciti negli affidi di una decina di bambini nella Val d'Enza.

"Sono stati del tutto ignorati gli elementi oggettivi illustrati e documentati in modo esaustivo e articolato nella memoria difensiva a supporto della totale estraneità del mio assistito dai reati contestati e della richiesta di revoca della misura cautelare", spiega. "C’è in questa vicenda un costante stravolgimento della realtà dei fatti e una palese confusione dei ruoli e delle competenze di amministratori e tecnici".

Secondo il legale: "Appare evidente un pregiudizio di fondo e una preoccupante mancanza di serenità che si riflette sul percorso dell’accertamento giudiziario e così anche su quest’ultima decisione". E aggiunge: "Solo a titolo di esempio appare molto grave che sia stata utilizzata, tra le varie argomentazioni di rigetto, anche un 'virgolettato' riportato su un quotidiano locale, considerato come una violazione del divieto di comunicazione; ciò senza nemmeno alcuna verifica della veridicità di tale circostanza, in realtà mai accaduta".

Tarquini, infine, conclude: "E’ chiaro che a questo punto si procederà con fermezza, facendo uso dei rimedi giurisdizionali, dunque con un immediato ricorso al Tribunale del Riesame. Ribadisco la piena correttezza dell’operato del mio assistito che intende continuare ad affrontare quella che ritiene essere una grave ingiustizia ai suoi danni come ha sempre fatto fino ad ora, con grande dignità, a testa alta e con la schiena dritta, senza farsi intimorire nemmeno dalle continue e costanti offese e tantomeno dalle minacce, in relazione alle quali nei prossimi giorni verranno presentate le prime denunce, e senza mai perdere la totale fiducia nell’operato della magistratura".