Ancona, 26 marzo 2021 - Nonostante i nuovi casi da coronavirus nelle Marche siano in calo, la regione affronterà un'altra settimana di zona rossa. Infatti, i contagi sono calati, ma la curva scende lentamente e la pressione per i ricoveri negli ospedali è ancora alta. Continuando col massimo delle restrizioni, dopo Pasqua si potrebbe avere un allentamento. L'Rt è a 1,15. La conferma arriva in serata con le nuove ordinanze del ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia (Le ordinanze andranno in vigore a partire da lunedì 29 marzo). Passano in area rossa le Regioni Calabria, Toscana e Val d'Aosta. La Regione Lazio, invece, passa in area arancione a scadenza della vigente ordinanza.

AGGIORNAMENTO Coronavirus oggi: bollettino covid 27 marzo. I contagi delle Marche

Nessuno stupore, dunque per i marchigiani, che si aspettavano tale decisione. "A causa del numero dei contagi riscontrati nella nostra regione nella scorsa settimana, che sono superiori a 250 ogni 100mila bitanti, anche la prossima settimana saremo in zona rossa per quanto stabilito dall'ultimo decreto legge". Così il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli aveva anticipato questa mattina su facebook

Bollettino Covid oggi 26 marzo

Tornano a salire i nuovi casi da coronavirus nelle Marche: oggi i positivi sono 674 (contro i 621 di ieri), mentre cresce anche la percentuale dei contagi, portandosi dal 19,6% di giovedì al 22,6% di oggi. I tamponi analizzati sono 2.985 nel percorso nuove diagnosi. Nel percorso screening antigenico sono stati effettuati 764 test e sono stati riscontrati 76 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 10%. Si sono verificati 13 decessi.

Bollettino Covid Italia ed Emilia Romagna

Nelle Marche 13 morti

Altre 13 vittime nelle Marche a causa del Covid-19. Tutte con patologie pregresse. Il servizio Sanità della Regione comunica nelle ultime 24 ore sono decedute 4 persone a Pesaro Marche Nord (tre uomini di 79, 74 e 59 anni rispettivamente di Montelupone, Gradara e Carpegna ed una 84enne di Macerata Feltria), 2 a Torrette di Ancona (due uomini anconetani di 71 e 66 anni), 2 all'ospedale di Jesi (un 75enne di Sassoferrato ed un 74enne di Fabriano), 2 a Macerata (due donne di 84 e 86 anni rispettivamente di Sarnano e San Ginesio), 1 all'Inrca di Ancona (una 84enne di Loreto), 1 a Camerino (una 83enne di Macerata) ed 1 a San Benedetto del Tronto (un 95enne di Ascoli Piceno).


Da inizio emergenza nelle Marche sono decedute 2.579 persone: 1.452 uomini e 1.127 donne con un'età media di 82 anni che, quasi nel 97% dei casi, presentavano patologie pregresse. A Pesaro Urbino il maggior numero di vittime (887), seguito da Ancona (791), Macerata (433), Fermo (243) ed Ascoli Piceno (200) mentre sono 25 le vittime provenienti da fuori regione.

 

Ricoveri nelle Marche

Nelle Marche continua a essere consistente il numero dei pazienti 'Covid-19' assistiti negli ospedali della regione: sono 1.072 (+1), dei quali 959 sono ricoverati nei reparti (-2) e 113 nei pronto soccorso (+3). Lo si apprende dal secondo bollettino del Servizio sanitario regionale. Nelle terapie intensive sono ricoverate 152 persone, 5 meno del giorno precedente: 38(-4) a Pesaro, 38 a Torrette, 1 in pediatria al Salesi, 15 (-1) a Jesi, 28 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 5 a Senigallia, 13 a Fermo e 14 a San Benedetto del Tronto. Nelle aree di semi-intensiva sono assistiti in 214 (+7): 90 a Pesaro, 27 (+6) a Torrette, 15 al covid di Senigallia, 12 a Jesi, 8 a Macerata, 7 a Civitanova Marche, 28 al Covid Hospital, 4 a Fermo, 13 (+2) a San Benedetto del Tronto e 10 (-1) ad Ascoli Piceno. Gli altri 593 (-4) pazienti sono ricoverati in reparti non intensivi: 43 al covid, 2 in ostetricia e 6 (+1) in psichiatria a Pesaro, 40 a malattie infettive, 35 (-6) al Cov4, 1 in ostetricia e 2 in pediatria a Torrette, 54 all'Inrca di Ancona, 19 (-1) all'Inrca di Fermo, 78 al covid di Jesi, 57 (+3) al covid di Senigallia, 10 (-2) a Fabriano, 42 (+1) a malattie infettive a Macerata, 14 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 34 a Camerino, 61 a malattie infettive di Fermo, 54 (-4) al covid di San Benedetto del Tronto, 8 (+1) a malattie infettive di Ascoli Piceno e 17 (-3) presso la casa di cura Villa Serena.

La mappa del contagio

I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 674: 105 in provincia di Macerata, 243 in provincia di Ancona, 175 in provincia di Pesaro-Urbino, 56 in provincia di Fermo, 70 in provincia di Ascoli Piceno e 25 fuori regione.

Come ci si contagia

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (80 casi rilevati), contatti in setting domestico (173 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (201 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (23 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/socialità (1 caso rilevato), contatti in setting assistenziale (2 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (4 casi rilevati), screening percorso sanitario (2 casi rilevati). Per altri 188 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. 

Marche in zona rossa

Le Marche ancora in zona rossa anche guardando l'ultima analisi dei dati effettuato dal gruppo epidemiologico della Regione che prende in esame un trend in ormai costante discesa da tre settimane consecutive per il parametro dirimente sull’assegnazione del rosso, ovvero il numero dei contagi superiori a 250 ogni 100 mila abitanti. Quello della settimana corrente, ovviamente, è ancora solo parziale, ma l’avvio fa ben sperare con un calo fin qui del 16% del numero delle infezioni in provincia sul segmento precedente, anche se - salvo sorprese - si dovrebbe ancora rimanere sopra il quorum.

image

Vaccini Pesaro: in fila per le dosi di riserva

Al centro Monaldi di Pesaro i cosiddetti riservisti fanno la fila per sperare nella chance di una dose di vaccinoIeri sera i due fortunati sono stati una donna di 40 anni e un uomo di 51.

Covid: parroco a Macerata contagiato due volte

Don Carlos Munoz Caceres, cappellano dell’ospedale di Macerata e parroco della Santa Madre di Dio, era già stato ammalato di coronavirus l'anno scorso. Ora ha contratto di nuovo il Covid anche se aveva fatto la prima dose di vaccino. Ora è ricoverato al pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova, dove è sotto osservazione per una brutta febbre.