Bologna, 13 giugno 2021 - Sono in lieve crescita rispetto a ieri i contagi da Coronavirus in Emilia-Romagna. Il bollettino di oggi, domenica 13 giugno, rileva 123 nuovi casi (ieri erano stati 105), su 10.346 tamponi molecolari e antigenici eseguiti nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività è dell'1,2%. Tre i morti legati al Covid in  regione, ieri invece non se ne era registrato nessuno. 

L'aggiornamento Covid, il bollettino del 14 giugno in Emilia Romagna

Quanto ai ricoveri, aumentano di due unità quelli in terapia intensiva: i pazienti emiliano-romagnoli ricoverati in rianimazione e affetti da Sars-CoV-2 sono 62 (+2 rispetto a ieri), 288 quelli negli altri reparti Covid (-3).

La mappa del contagio vede Cesena con 24 nuovi casi, Bologna con 19 più 10 del Circondario Imolese, Parma con 20, Ravenna con 13, Ferrara con 10, Reggio Emilia e Modena con 7, Forlì con 5, infine Piacenza e Rimini con 4 casi.

Gli emiliano romagnoli guariti sono 288 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 364.106. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 8.345 (-168 rispetto a ieri). Il 95,8% dei casi attivi è in isolamento a casa, senza sintomi o con sintomi lievi. 

Covid, i dati dei contagi del 13 giugno 2021 in Emilia Romagna

Coronavirus in Italia: dati e tabella delle regioni

In Italia sono 1.390 i positivi al test del Covid-19 nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 1.723. Sono invece 26 le vittime in un giorno, mentre ieri erano state 52.

Analizzati nelle ultime 24 ore 134.136 i tamponi molecolari e antigenici, ieri erano stati 212.966. Il tasso di positività è dell' 1%, in lieve aumento rispetto allo 0,8% di ieri.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 565, con un calo di 9 rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati 20 (ieri erano stati 25). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.542, in calo di 113 unità rispetto a ieri.

In totale i casi dall'inizio dell'epidemia sono 4.244.872, i morti 127.002. I dimessi ed i guariti sono invece 3.957.557, con un incremento di 3.460 rispetto a ieri, mentre gli attualmente positivi scendono a 160.313, in calo di 2.096 nelle ultime 24 ore.

La regione con il maggior numero di casi è la Lombardia (257), seguita da Sicilia (183), e Campania (147).

Dati dalle regioni Contagi in calo nelle Marche - Nessuno morto Covid in Veneto - Coronavirus in Toscana

Contagi oggi in Emilia Romagna

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 385.684 casi di positività, 123 in più rispetto a ieri, su un totale di 10.346 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è dello 1,2%.

Dei nuovi contagiati, 52 sono asintomatici: 31 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 2 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 9 con gli screening sierologici, 2 tramite i test pre-ricovero. Per 8 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

Tra i nuovi positivi 55 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 75 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 32,5 anni.

Ecco la mappa del contagio aggiornata, con i numeri dall’inizio della pandemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 23.598 a Piacenza (+4 rispetto a ieri, di cui 2 sintomatici), 28.367 a Parma (+20, di cui 6 sintomatici), 46.857 a Reggio Emilia (+7, di cui 6 sintomatici), 65.541 a Modena (+7, tutti sintomatici), 82.230 a Bologna (+19, di cui 13 sintomatici), 12.627 casi a Imola (+10, di cui 2 sintomatico), 23.146 a Ferrara (+10, di cui 7 sintomatici), 30.460 a Ravenna (+13, di cui 11 sintomatici), 17.044 a Forlì (+5, di cui 2 sintomatici), 19.616 a Cesena (+24, di cui 11 sintomatici) e 36.198 a Rimini (+4, tutti sintomatici).

Morti Covid in Emilia Romagna

Il bollettino di oggi registra tre nuovi decessi legati al Covid: uno in provincia di Piacenza (una donna di 89 anni di Gossolengo), uno in provincia di Parma (un uomo di 71 anni) e uno in provincia di Bologna (un uomo di 58 anni).

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 13.233.

Ricoveri

I pazienti emiliano romagnoli ricoverati in terapia intensiva Covid sono 62 (+2 rispetto a ieri): zero a Piacenza (invariato), 7 a Parma (+1), 6 a Reggio Emilia (numero invariato rispetto a ieri),13 a Modena (invariato), 25 a Bologna (+2 rispetto a ieri), 1 a Imola (invariato), 2 a Ferrara (invariato), 1 a Ravenna (invariato), nessuno a Forlì (come ieri), 2 a Cesena (invariato) e 5 a Rimini (invariato)

Sono invece 288 i malati curati in ospedale negli altri reparti Covid (-3).

Emilia Romagna in zona bianca da domani, 14 giugno

Da domani, lunedì 14 giugno, l'Emilia-Romagna entra in zona bianca. Cosa significa? A effetto immediato, decade il coprifuoco. E ci si può spostare senza limiti di orario, verso tutto il territorio nazionale, se lo spostamento avviene per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute, oppure se si è in possesso di una ‘certificazione verde Covid-19'.

Costituscono certificazione verde: certificato comprovante lo stato di avvenuta vaccinazione contro il SARS-CoV-2 (validità 9 mesi); certificato comprovante l'avvenuta somministrazione della prima dose di vaccino (validità dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale); certificato comprovante lo stato di avvenuta guarigione dall’infezione da SARS-CoV-2 (validità 6 mesi); effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus SARSCoV-2 (validità 48 ore).

Si può far visita a parenti o amici, restando all’interno della stessa zona, senza limiti di orario o nel numero di persone che si spostano. Le visite nell’arco della stessa giornata in altre zone devono concludersi facendo rientro alla propria abitazione entro le 24. 

Bar e ristoranti, che saranno aperti anche alla sera e al chiuso, senza limiti orari. Tuttavia al chiuso, si potrà stare in sei al tavolo, all’aperto non ci saranno limiti. Finalmente potranno riaprire anche le discoteche, ma non per ballare. Verranno, invece, utilizzate per servire aperitivi, cene e cocktail. Per ballare in discoteca, invece, il Governo sta decidendo il da farsi. 

Vaccino in Emilia Romagna: chi può prenotare e ultime notizie

Continuano ad aprirsi, in maniera scaglionata per fascia di età e in ordine anagrafico, le prenotazioni per le vaccinazioni contro il Covid per gli under 40 in Emilia-Romagna. Domani, 14 giugno, si aprono le agende per la quarta fascia d'età under 40, quella dei 25-29enni, dopo i 12-19enni, i 30-34enni e i 35-39 enni dei giorni scorsi: dopo di loro toccherà, da mercoledì 16, ai 20-24enni. 

 A metà del mese quindi tutta la popolazione residente da Piacenza a Rimini avrà avuto la possibilità di prenotare la propria vaccinazione; ovviamente la possibilità di fissare l’appuntamento resta sempre aperta a partire dalla data di sblocco delle finestre, per consentire a tutti coloro che lo vorranno di ricevere il vaccino.

Alle 15 sono state somministrate complessivamente 3.155.793 dosi di vaccino; sul totale, 1.104.963 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Qui il conteggio in tempo reale. 

Per tutti gli under 40 sono a disposizione i consueti canali di prenotazione: di persona nei Cup o nelle farmacie con prenotazioni Cup, via web attraverso Fascicolo sanitario elettronico, AppER Salute e Cupweb, telefonicamente ai numeri predisposti dalle singole Aziende sanitarie. Per prenotarsi non serve la prescrizione medica: bastano i dati anagrafici - nome, cognome, data e comune di nascita - o, in alternativa, il codice fiscale. Per i minorenni sono i genitori, o chi ne fa le veci, a dover effettuare la prenotazione: sarà sufficiente comunicare i dati o il codice fiscale sia dell’adulto richiedente che del minore vaccinando.

Per quanto riguarda i tipi di vaccino, il ministro della Salute Roberto Speranza oggi ha ribadito: "Abbiamo un messaggio chiaro su AstraZeneca, cioè evitare l'uso sotto i 60 anni e questo vale sia per la prima sia per la seconda dose e per questo per la seconda dose si useranno vaccini mRNA. Questa è una posizione chiara, netta delle nostre autorità e chiediamo alle autorità regionali di allinearsi ai piani nelle prossime settimane". 

Seconda dose nei luoghi di villeggiatura? Per i turisti residenti in Emilia Romagna che passano le vacanze in Riviera, non ci dovrebbero essere particolari problemi. Al momento, fanno capire dall’Ausl Romagna, le richieste sono stati pochissime, ma la possibilità di fare il richiamo a Rimini, Riccione e nelle altre città della costa sarà sicuramente garantita ai turisti emiliani