ANTONELLA MARCHIONNI
Cronaca

Trafitto all’addome in pieno giorno al Fano Center

Giovane finisce in prognosi riservata dopo essere stato aggredito da tre uomini, poi arrestati dalla polizia. Choc tra i passanti

Il punto in cui è avvenuta l’aggressione. Un giovane è finito in ospedale trasportato in eliambulanza (foto archivio)

Il punto in cui è avvenuta l’aggressione. Un giovane è finito in ospedale trasportato in eliambulanza (foto archivio)

Fano, 15 giugno 2024 – Sangue e paura nel parcheggio del Fano Center. Ieri intorno alle 14 davanti all’ingresso in direzione Fano, si è consumata una violentissima lite che è sfociata in una vera e propria aggressione nei confronti di un giovane che è stato colpito all’addome. L’oggetto che uno dei tre uomini, di età compresa tra i 30 e i 40 anni, ha scagliato contro il quarto sarebbe stata, stando alle prime ricostruzioni, una matita da falegname. Un oggetto lungo, appuntito che è stato conficcato nell’addome del giovane che si è accasciato.

I tre sono stati arrestati dalla polizia, prontamente intervenuta sul posto, e condotti in commissariato dove sono stati interrogati per cercare di risalire al movente che ha scatenato la follia. L’uomo aggredito è stato portato all’ospedale Torrette di Ancona con l’eliambulanza. Al momento è in prognosi riservata ma non sembra, dai primi riscontri medici, in pericolo di vita. A quell’ora il parcheggio brulicava di gente, impegnata nella spesa del week end.

Ad avvertire la vigilanza privata del centro commerciale è stata una cliente che si è trovata di fronte ad una scena da paura. La donna è corsa all’interno cercando aiuto e, senza pensarci due volte, i due vigilantes si sono precipitati all’esterno del supermercato. Uno è rimasto insieme ai 3 aggressori chiamando le forze dell’ordine che, nel giro di pochi minuti, sono arrivate a sirene spiegate sul posto.

Il secondo vigilantes, invece, ha prestato i primi soccorsi al giovane aggredito. Quest’ultimo aveva i vestiti intrisi di sangue che fuoriusciva dal foro sull’addome, aveva già perso molto sangue. Tuttavia, con le proprie gambe e sorretto dal vigilantes, è riuscito a raggiungere la farmacia del centro commerciale che si trova ad una trentina di metri rispetto al punto in cui si è consumata l’aggressione. Il personale della farmacia ha fornito un primo soccorso in attesa dell’arrivo dell’ambulanza.

Quale sia la molla che ha fatto scatenare la violentissima lite è ancora oggetto di indagine da parte degli inquirenti. Secondo le prime ricostruzioni sembrerebbe una lite stradale risalente a pochi giorni prima.

Nel corso di questo diverbio sarebbero volati insulti nei confronti della compagna di uno dei tre aggressori. Non è chiaro se i quattro si siano dati appuntamento nel parcheggio del centro commerciale per chiarire il diverbio oppure se l’incontro sia stato fortuito e questo abbia riacceso le polveri.