San Felice trasformato in un set. Omaggio a Fantozzi: 200 comparse

Paese pronto all’invasione di appassionati, ricreati 20 iconici allestimenti e sfilata di figuranti. Ospite Elisabetta Villaggio: "Grande lavoro degli organizzatori, mio padre sarebbe contento"

Modena, 1 ottobre 2023 – Dopo l’anteprima di ieri, con l’arrivo di alcune comparse e gli ultimi ritocchi agli allestimenti, oggi San Felice si trasforma nel ‘Villaggio Fantozzi’, grandioso tributo alla figura artistica di Paolo Villaggio e al suo più celebre personaggio.

Ci saranno i set e gli attori che ridaranno vita ai vari momenti della saga del ragioniere più famoso del cinema. E ci sarà anche Elisabetta Villaggio, la figlia, che presenterà, alle 11 in piazza Matteotti, il suo libro "Fantozzi dietro le quinte".

Si tratta di un grande evento ed è attesa una invasione di appassionati (dalle 9,30 in viale Campi e piazzale della Rocca apertura degli stand espositivi ed enogastronomici).

I numeri si prevedono da capogiro. Basti pensare che per omaggiare il ragionier Ugo Fantozzi, personaggio iconico in grado di abbracciare intere generazioni, sono stati ricreati 20 set con oltre 200 comparse.

Un allestimento che ha coinvolto tutto il paese diventato un set. Dalla scalinata resa celebre da ‘La corazzata Potëmkin’, alla Megaditta, fino all’ufficio di Fantozzi e alla cucina del ragioniere, senza dimenticare la sua mitica Bianchina.

L’appuntamento clou, dopo la Strana Coppia di Radio Bruno alle 14.30, è per oggi alle 15.30, nei pressi della Rocca Estense dove attori e figuranti usciranno da grandi scenografie realizzate per l’evento, per poi procedere per il centro del paese, trasformato in un vero e proprio "universo fantozziano".

Il tutto accompagnato dalla musica in sottofondo dei film di Fantozzi, auto degli anni ’70, oggettistica d’epoca, per rendere ancora più coinvolgente l’esperienza di "Villaggio Fantozzi".

"All’inizio ero un po’ titubante sul progetto – spiega Elisabetta, figlia di Paolo Villaggio arrivata per l’occasione –, ma poi mi sono ricreduta vedendo l’entusiasmo degli organizzatori e il lavoro che stavano facendo. Sono contenta e lo sarebbe anche mio papà". Il direttore artistico Roberto Gatti spiega: "’Villaggio Fantozzi’ non è una pagliacciata o qualcosa di surreale, ma è un omaggio al grande Paolo Villaggio e al suo personaggio più conosciuto. Abbiamo voluto creare qualcosa di nuovo. Per realizzare il progetto ho visto più volte i film di Fantozzi, facendo gli screen-shot utili per le scenografie di Roberto Gavioli. Non sono mancate le difficoltà, come trovare la mitica Bianchina. Ricordo che, connesso all’evento, è organizzato un concorso fotografico, curato dal Photoclub Eyes".

Presenti all’anteprima le comparse che interpretano Fantozzi, Filini e il geometra Calboni, ovvero Paolo Grossi, Cesare Rebecchi e Matteo Merigo. "Siamo molto contenti di essere stati scelti – spiegano Grossi e Rebecchi –, tra l’altro siamo stati anche colleghi di lavoro in passato. Quello di domani (oggi, ndr) vuole essere un tributo a Paolo Villaggio.

Per l’abbigliamento di Filini – aggiunge Rebecchi – ho cercato tra i completi di mio padre".

L’evento è realizzato con la partecipazione e il contributo di Sanfelice 1893 Banca Popolare (il responsabile commerciale Federico Mazzoli è tra i promotori), e il patrocinio del Comune di San Felice in collaborazione con la Pro Loco.

La regia è di Paolo Galassi. Per realizzare il progetto, sono state seguite precise linee operative green, come l’uso dei materiali riciclati per le scenografie.

Inoltre "Villaggio Fantozzi" sarà un vettore per un progetto di solidale, infatti in centro storico sono presenti dei totem dove facendo un’offerta si può ritirare un volantino con una frase famosa di Fantozzi. Il ricavato sarà devoluto ad un comune alluvionato della Romagna.