Faenza, 7 febbraio 2021 - Il giorno dopo l'omicidio di Ilenia Fabbri, 46 anni, sgozzata in casa a Faenza, la polizia Scientifica è tornata in mattinata per compiere nuovi rilievi all'abitazione di via Corbara. La sua morte si presenta al momento come un autentico giallo. Ieri la Scientifica era rimasta a lavorare a lungo alla ricerca di indizi nel garage, da dove potrebbe essere entrato o uscito l’assassino.

Aggiornamenti Omicidio di Faenza: si cercano tracce di una quinta persona nella casa - Ilenia forse uccisa su commissione

Oggi la Procura di Ravenna ha affidato l'autopsia del corpo della donna, che lavorava in una concessionaria di Imola, ai medici legali veronesi Franco Tagliaro e Federica Bartolotti. Secondo i primi risultati dell'esame, Ilenia Fabbri è stata uccisa con un profondo taglio al collo in quello che tecnicamente è stato uno scannamento sulla parte sinistra con recisione di vene e arteria. La consulenza finale dell'esame autoptico, dovrà essere implementata con eventuale compatibilità tra il profondo taglio con il coltello sequestrato dalla polizia e con la eventuale presenza di altri segni di aggressione sul cadavere.

Gli inquirenti avevano infatti sequestrato un coltello che potrebbe corrispondere all’arma del delitto: si tratta di una lama da pane maldestramente ripulita in un lavello e che avrebbe provocato un taglio da sinistra verso destra presumibilmente inferto da tergo. Una dinamica che in prima battuta fa pensare insomma a una colluttazione al termine della quale l’aggressore ha sgozzato la donna dopo averla immobilizzata da dietro.

La pista del ladro, sebbene defilata, perlomeno a caldo non è stata del tutto scartata: tanto che il il Procuratore capo facente funzione Daniele Barberini ha parlato di indagini a 360 gradi. Ma gli sforzi degli inquirenti puntano da subito a scandagliare la vita della 46enne, tra familiari, amici, conoscenti e vicini di casa.

L’amica: "Problemi con l’ex marito Era felice con il nuovo compagno"

false

Gli interrogatori delle persone informate sui fatti, continuati fino alle 2 di notte, sono ripresi oggi. In particolare sono stati sentiti la figlia, l'amica di questa presente in casa al momento del delitto, l'ex marito Claudio, titolare di una officina di Faenza, e il nuovo compagno della vittima.

Non risultano al momento esserci indagati.

Secondo quanto finora riferito agli inquirenti, la figlia si trovava assieme al padre al momento del delitto, in viaggio da meno di un’ora verso Milano per ritirare un’auto: ciò insomma li renderebbe del tutto estranei all’accaduto. Estranea si è definita pure l’amica, la quale ha detto di essersi chiusa in camera dopo i primi rumori. Dopo il ritrovamento del cadavere, padre e figlia sono tornati subito in città. Dopo qualche ora, la polizia è riuscita a rintracciare il compagno della 46enne: anche lui, sconvolto e stupito, si è dichiarato assolutamente estraneo all’omicidio della donna.

image

Il sindaco di Faenza: "Delitto efferato, sono sconvolto"

Massimo Isola, sindaco di Faenza, oggi ha scritto un post su Facebook sul delitto in cui si dice "scovolto". "Faenza è stata scossa ieri da un grave fatto di sangue. Come tutti sono sconvolto dall'efferatezza del gesto che ha tolto la vita a Ilenia Fabbri. Senza entrare nel merito delle indagini, fa però riflettere che a perdere la vita in modo così violento sia stata, ancora una volta, una donna".

E poi: "Ho massima fiducia negli investigatori, la polizia di Stato del commissariato di Faenza e la Squadra Mobile della Questura di Ravenna e degli organi inquirenti coordinati dalla Procura della Repubblica di Ravenna che stanno lavorando incessantemente da ieri per chiarire quanto accaduto". E conclude: "Come comunità faentina per ora possiamo solo stringerci al dolore dei famigliari e agli amici di Ilenia", conclude.

image