Bologna, sciame di api in migrazione si riposa su un’auto in sosta

E’ successo ieri intorno a mezzogiorno in piazza San Martino. Le api, che erano stanche, sono state soccorse e salvate da un esperto intorno alle 15

Le api in migrazione si sono fermate a riposarsi su un'auto posteggiata in piazza San Martino

Le api in migrazione si sono fermate a riposarsi su un'auto posteggiata in piazza San Martino

Bologna, 30 maggio 2023 - Impressionante migrazione di api ieri in piazza San Martino a Bologna: un nugolo di insetti, probabilmente in 'trasloco' dall'alveare, ha deciso di riposarsi su un'auto in sosta, in attesa di trovare una nuova 'casa' in un ambiente più naturale del centro città.

Approfondisci:

Sciame di api a Bologna, l’esperto: “Cosa fare e chi chiamare se ne trovate uno”

Sciame di api a Bologna, l’esperto: “Cosa fare e chi chiamare se ne trovate uno”

Le api in migrazione si sono fermate a riposarsi su un'auto posteggiata in piazza San Martino
Le api in migrazione si sono fermate a riposarsi su un'auto posteggiata in piazza San Martino

Riusciamo solo a immaginare la reazione del proprietario dell’auto, che oltretutto – così sembrerebbe dalle immagini – aveva lasciato il finestrino aperto.

E' successo intorno a mezzogiorno: il 'pisolino' delle api è durato fino alle 15, quando è arrivato un apicoltore che le ha messe in un’arnia e portate in salvo.

Sciamatura delle api: cosa è

Poco prima dell’arrivo della stagione estiva le api cominciano la produzione del miele e contemporaneamente iniziano a migrare. La sciamatura è un fenomeno naturale, ma che comporta una grande perdita per l’apicoltore. In sostanza è il modo in cui si riproducono le famiglie di api e si verifica solo quando la famiglia è florida ed è in grado di superare le dure prove della ricostruzione: la sciamatura può asportare fino ai tre quarti della popolazione totale. L’esodo non avviene all’improvviso, l’alveare che si prepara a sciamare presenta un movimento insolito davanti all'ingresso dell'arnia. Alcuni giorni prima, la regina si muove agitata emettendo un suono particolare e le api che la seguiranno emettono anch’esse un ronzio che fa eco all’inno regale.