Dal 6 agosto il Green pass è obbligatorio e bisogna portarlo con sè per poter entrare in luoghi al chiuso, come bar o ristoranti, ma anche palestre, piscine, musei e concerti. Il Green pass può essere cartaceo o digitale e attesta una delle seguenti tre possibilità: aver fatto almeno una dose del vaccino contro il Covid-19; essere risultati negativi a un test molecolare o antigenico rapido effettuato nelle ultime 48 ore o essere guariti dal Covid negli ultimi sei mesi. Questo è quanto stabilisce il decreto legge del 23 luglio 2021, deciso dal Consiglio dei ministri del 22 luglio.

Aggiornamento Bonaccini: "Scuola? Servono green pass e tamponi gratis"

Green pass: quanto dura per vaccinati, guariti e chi ha fatto il tampone - Green pass ristoranti: cosa cambia dal 6 agostoCome averlo con e senza codice: le novitàGli hotel: "No alla carta verde per accedere alle sale ristorante" - "Locali, il controllo non spetti ai gestori" - Green pass dopo la prima dose, come e quando

Con il decreto del 5 agosto, il Governo ha esteso l'obbligo del Green pass anche per accedere a treni di lunga percorrenza e aerei. Il pass sarà inoltre obbligatorio per gli studenti universitari e per il persole della scuola, fatta eccezione per gli studenti minorenni. Tutto questo, però, a partire dal primo di settembre. L'esecutivo ha inoltre confermato che la certificazione verde non sarà necessario per accedere negli hotel e nei b&b

Il Green Pass può essere cartaceo o digitale

Bollettino Covid Italia ed Emilia Romagna - Marche - Veneto

A cosa serve

Il Green pass è obbligatorio anche in zona bianca e dovrà essere esibito per consumare al tavolo in ristoranti e bar al chiuso; per accedere a musei e mostre; per assistere a spettacoli aperti al pubblico, ma anche a concerti, eventi e competizioni sportive; per partecipare alle attività al chiuso di centri culturali, sociali e ricreativi (con eccezione dei centri educativi per l'infanzia e i centri estivi); per entrare in centri benessere e strutture sportive al chiuso come piscine, palestre, o campi per sport di squadra, ma anche nei centri termali; per accedere a strutture sanitarie e RSA; per entrare in parchi tematici e di divertimento; per partecipare a fiere, sagre, convegni e congressi; per partecipare a feste e ricevimenti o ai concorsi pubblici e, infine, per accedere a sale gioco, sale scommesse, bingo e casinò.

"Per le vacanze in albergo non occorre il Green pass"

Bambini: non obbligatorio sotto i 12 anni

L’obbligo di avere la Certificazione verde riguarda le fasce d’età che possono ricevere il vaccino contro il Covid. I bambini sotto i 12 anni, quindi, sono esentati, anche se l'età minima per ottenere il Green pass è 2 anni. Dunque, i bambini dai 2 ai 6 anni possono richiedere il Green pass senza fare il tampone. Dai 6 ai 12 anni, invece, per ottenerlo serve un tampone negativo o la certificazione di avvenuta guarigione.

Il Green pass resta un documento facoltativo fino ai 12 anni e non è obbligatorio per accedere ai luoghi al chiuso. Per gli spostamenti internazionali le regole variano a seconda del Paese.
Dai 12 ai 17 anni, invece, se non si ha il Green pass sarà necessario esibire un tampone negativo per accedere a uno qualsiasi dei locali sopra elencati. 

Come ottenerlo o scaricarlo

Nel caso non si abbia ricevuto l'sms dal ministero della Salute per scaricarlo, dopo aver fatto la vaccinazione, è possibile scaricarlo collegandosi al sito dgc.gov.it con Spid, tessera sanitaria o documento di identità. Oppure è possibile utilizzare anche le app Immuni o IO. Altre modalità sono quella di accedere al proprio Fascicolo sanitario elettronico, oppure rivolgersi al proprio medico di famiglia, al pediatra di libera scelta o andando in farmacia.

Sempre sul sito del governo, è possibile recuperare il codice authcode, se non lo si ha ricevuto o se è stato smarrito. Basta cliccare sulla voce 'recupera il tuo codice authcode'.