Libri da leggere al parco. Incontri con gli autori: si comincia con Byron

Appuntamento all’area verde di via Dragoni a partire questa sera. Protagonista il volume di Spagnoli sull’avventuroso poeta inglese.

Libri da leggere al parco. Incontri con gli autori: si comincia con Byron

Libri da leggere al parco. Incontri con gli autori: si comincia con Byron

Torna anche quest’estate, tutti i lunedì dall’1 al 29 luglio all’anfiteatro del parco di via Dragoni, la rassegna di incontri con gli scrittori locali e le novità dell’editore ‘Il Ponte Vecchio’. Si comincia con un’anteprima questa sera con ‘La vita meravigliosa di George Byron’ di Giovanni Spagnoli. L’autore propone una biografia romanzata del grande poeta inglese (nella foto un suo ritratto), celebre per l’adesione ai risorgimenti nazionali che lo portò in Grecia a combattere per la libertà del Paese, dove trovò poi la morte. Dialoga con lo scrittore Gabriele Zelli.

Lunedì 1° luglio la serata è dedicata al cibo della tradizione romagnola con ‘I mangiari dell’infanzia’ di Graziano Pozzetto, ispirato alle memorie di Tonino Guerra e il ritorno costante ai piatti tipici dell’infanzia, e ‘La nostra cucina’ di Gian Ruggero Manzoni, che offre uno scorcio nella cucina casalinga di nonna Olimpia Isolina, del bisnonno Giovanni e del nonno Ruggero, fini buongustai.

Si prosegue l’8 con ‘Le apparizioni mariane in Romagna’ di Eraldo Baldini. Dal medioevo all’età contemporanea sono state numerose le presunte manifestazioni della Madonna sul territorio, nessuna però ha raggiunto la fama di quelle più note come Lourdes e Fatima. Il fenomeno non ha comunque mancato di influire sulla vita delle comunità dell’epoca. Gabriele Zelli introduce e conversa con l’autore.

Il 15 luglio l’anfiteatro accoglie Edoardo Saccone con ‘Se trovi in questo fiasco’, un volume dedicato alle vicende vissute da uno scudiero nel tempo moribondo della Cavalleria in Romagna. Il protagonista va alla scoperta di cavalieri sgangherati ed eroici, fermi al senso dell’onore. Un racconto coinvolgente condotto con ironia.

La rassegna lunedì 22 riserva una serata alla poesia dialettale con ‘Incion’ un omaggio allo scrittore del Novecento, Giovanni Nadiani. Le rime dell’autore sono lontane dagli struggimenti della nostalgia e dei sentimenti ma rappresentano con intensità il dramma dell’uomo contemporaneo smarrito, senza più radici, che dice e fa quel che i padroni del mondo desiderano. Leggono i testi Giuseppe Bellosi e Daniele Serafini.

Il ciclo di incontri si conclude il 29 luglio con ‘Canto invisibile’, antologia di racconti curata da Rosarita Berardi e scritto a più mani. Il volume narra le storie di strada di persone, colpevoli o innocenti che siano, che sono state travolte da un destino avverso o votate all’autodistruzione. Marzio Casalini guiderà il confronto con la redattrice. Tutti gli incontri sono a ingresso libero e avranno inizio alle ore 20.45. Per informazioni: 320.0435480 Giancarlo Giunchi.