Vannacci piace agli over 75, tante richieste in libreria a Modena: "Speriamo non trovi editori"

’Il mondo al contrario’ al momento è distribuito solo sulle piattaforme online. Ubik: "Purtroppo c’è chi lo cerca, ma in genere i nostri clienti sono sensibili"

Modena, 24 agosto 2023 – Benché sia possibile venderlo oggi solo attraverso le piattaforme di e-commerce – su Amazon è il titolo che va per la maggiore – il controverso libro ’Il Mondo al contrario’ del generale toscano Roberto Vannacci è richiestissimo anche nelle librerie di Modena. Praticamente in ogni punto vendita della città, infatti, i clienti chiedono ogni giorno a decine di recuperarlo e a tutti gli interessati alle opinioni del militare che da giorni spaccano la politica i librai rispondono allo stesso modo: essendo autoprodotto questo libro non viene distribuito nei canali fisici dei libri. È inutile quindi cercarlo. Per quanti desiderano sapere che pensa su minoranze, nuovi italiani e famiglie non ’tradizionali’, l’alto militare ex numero uno del prestigioso Istituto Geografico Militare di Firenze si può solo accendere un computer, pagare e farsi spedire il libro da un corriere.

Il generale Roberto Vannacci, autore del controverso libro autoprodotto 'Il mondo al contrario'
Il generale Roberto Vannacci, autore del controverso libro autoprodotto 'Il mondo al contrario'

“Noi delle librerie Ubik – spiega Chiara del punto vendita di via dei Tintori – ai nostri clienti che ci chiedono questo testo di Vannacci di cui si sta parlando tantissimo rispondiamo che è impossibile averlo tramite noi. Il generale questo testo se l’è autoprodotto e rilegato e non essendoci per ora di mezzo una casa editrice non c’è la distribuzione del libro come avviene per tutti i nostri titoli in vendita. Sarebbe come se vendessimo tesi di laurea che ovviamente non entrano in libreria. Paradossalmente, ma ovviamente non lo vogliamo né possiamo farlo essendo le piattaforme online nostre concorrenti, per i clienti dovremo anche noi comprarlo su Amazon".

Approfondisci:

Generale Vannacci, il sindaco di Pennabilli lo difende sui social: “Un patriota”

Generale Vannacci, il sindaco di Pennabilli lo difende sui social: “Un patriota”

Le librerie Ubik nei giorni scorso sono entrate nel dibattito pro-contro le tesi di Vannacci perché presso il punto vendita di Castelfranco Veneto la libraia Clara Abatangelo ha esposto un cartello in cui c’è scritto: "Si invita la gentile clientela a non chiederci il libro di Vannacci". La collega modenese Chiara è d’accordo, ma divide la sua opinione personale dal lavoro: "Proprio non potremmo venderlo fino a che non trova un’editore e io spero non accada, ma appunto queste sono le mie opinioni personali su quanto scrive l’autore. Sono purtroppo decine i lettori che ce lo chiedono: sono soprattutto anziani over 75, quasi nessun giovane e in genere i nostri lettori sono persone colte e sensibili".

Le richieste a Modena sono tantissime anche alla Feltrinelli: "Noi non vendiamo questo titolo – spiegano dal punto vendita del Grandemilia – perché non è distribuito, ma certamente le richieste sono tantissime ogni giorno da quando sono scoppiate le polemiche e sono stati diffusi alcuni contenuti. Ovviamente non lo recuperiamo su Amazon, le piattaforme sono nostre concorrenti. Il titolo che invece vendiamo di più? Ci sono senz’altro i libri di Michela Murgia che ha sempre venduto bene e ora, con la morte recente, ancora di più".