Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 gen 2022

Tampone fai da te: l’autotest funziona. In tre giorni arrivano certificato e Green pass

Un nostro cronista, in quarantena, ha provato il nuovo servizio della Regione e il risultato è stato decisamente buono

21 gen 2022
daniele petrone
Cronaca

Reggio Emilia, 22 gennaio 2022 - Lo ammetto: ero scettico sulla piattaforma "auto-testing" lanciata dalla Regione (la prima in Italia). Ma le (pre-) chiacchiere stanno a zero. Da giornalista mi attengo ai dati di fatto: in un giorno e mezzo ho ottenuto il via libera. In due giorni pure il tanto agognato certificato di fine isolamento. E in tre giorni persino il nuovo green-pass inviato dal Ministero. Ragazzi, funziona! L’ho testato. Anzi, mi sono autotestato.

Vaccino ai bambini: rischi e benefici, la 'lezione' di Burioni - Scuola, Bonaccini: "Regole sulla quarantena uguali per adulti e studenti" - Tampone fai da te, Bonaccini: "Estenderlo a tutta Italia"

Approfondisci:

Zona arancione: Marche e Veneto salvi. Tutti i dati Covid

Approfondisci:

Novavax in Italia a febbraio: come funziona e quello che c'è da sapere

Approfondisci:

Coronavirus oggi: dati e contagi in Emilia Romagna del 22 gennaio 2022. Il bollettino

Ecco i tamponi fai da te
Ecco i tamponi fai da te

Il meccanismo prevede che (per coloro che hanno almeno due dosi di vaccino) ci si possa autodiagnosticare il Covid con un tampone a casa, senza dover andare in farmacia o attendere, di questi tempi, le calende greche, per essere convocati per il molecolare al drive-in dell’Ausl. Bastano pochi clic, qualche dato e una foto-prova sul Fse. E inizia l’isolamento. Stessa cosa – ma solo per chi ha la ‘terza dose’ o booster – per uscire dall’isolamento col tampone ‘casalingo’ finale negativo.

Approfondisci:

No vax Ancona, offre soldi a positiva per la sua mascherina infetta

Riavvolgo il nastro personale. O meglio, il tampone... Il primo, che ha riscontrato la mia positività al Covid, l’ho fatto in una farmacia perché l’autotesting ancora non c’era. Avendo già la terza dose, ho dovuto osservare ‘solo’ sette giorni di isolamento. Nel frattempo vengo inserito in un gruppo whatsapp da alcuni amici positivi al virus. Un po’ per scherzarci su, in una sorta di boccaccesco Decameron 2.0, ma anche per passarci informazioni al fine di districarci nella jungla burocratica nel boom dei contagi Omicron. Tra loro c’è chi ancora aspetta o ha atteso a lungo il certificato di fine isolamento – conditio sine qua non, per alcuni, per il rientro al lavoro – e chi ha chiamato invano centinaia di volte (sul serio) i numeri del servizio sanitario.

Sono quasi rassegnato. Ma mercoledì mattina è il giorno del lancio dell’autotesting. Provo. Quasi più per spirito di cronista. Tampone antigenico ‘fai-da-me’ (per fortuna quello che avevo in casa era tra quelli validati in una lista sul sito della Regione). Negativo. Carico tutto, con tanto di foto dimostrativa del tampone con annesso codice a barre sul fascicolo sanitario elettronico. "Tutto è stato inviato correttamente", viene scritto. Sembra quasi il "grazie, vi faremo sapere" dei colloqui di lavoro… Affilo la penna, pronto a un articolo-denuncia. E invece… il giorno dopo, ecco mail ed sms: sono libero. Due giorni dopo ho il certificato. E proprio ieri, il nuovo Green Pass aggiornato. Tutto immediato ed efficiente. Ho scoperto di essere tra i 250 reggiani ad aver usufruito dell’autotesting il primo giorno.Autotesting promosso e un plauso alla Regione.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?