Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
23 gen 2022

Green pass dopo la terza dose: come scaricarlo

Ecco cosa bisogna fare per ottenere la certificazione verde dopo la dose di richiamo del vaccino Covid

23 gen 2022

Bologna, 22 gennaio 2021 - La terza dose di vaccino Covid (dose di richiamo o booster, che nel caso di vaccino monodose Johnson & Johnson o vaccino dopo guarigione sono una seconda dose) è importante per avere un'arma di difesa contro la diffusione del Coronavirus, che dilaga con la sua variante Omicron, e soprattutto per contrastare in modo altamente efficace la forma grave della malattia Covid. La terza dose di vaccino consente anche di evitare la quarantena se si viene in contatto stretto con una persona positiva, stabilendo un'autosorveglianza, e permette di accorciare i tempi dell'isolamento se si contrae il virus. La condizione però è che, in entrambi i casi, i soggetti con terza dose debbano essere asintomatici. 

Approfondisci:

Quando fare il tampone per quarantena e isolamento

Approfondisci:

Quarantena e isolamento, quanti giorni: le regole aggiornate in Emilia Romagna

Approfondisci:

Green pass illimitato: chi può averlo e cosa cambia da oggi 7 febbraio

Approfondisci:

Green pass, Dad e colori delle regioni: attese oggi le nuove regole covid

Approfondisci:

Green pass, quanto dura dall'1 febbraio. Domande e risposte

Approfondisci:

Nuove regole covid: le richieste delle Regioni su green pass, Dad e colori

Green pass e terza dose: come scaricarlo
Green pass e terza dose: come scaricarlo

Dpcm negozi, il Green pass serve anche per ritirare la pensione in Posta - Dad e covid a scuola: con quanti positivi scatta e le nuove regole

Inoltre, la terza dose ha anche uno scopo 'sociale' perché permette di 'rafforzare' il Super green pass (ovvero il green pass generato solo dopo la vaccinazione o l’avvenuta guarigione dal Covid, non includendo la possibilità del tampone, come invece è contemplato dal Green pass base) che è il lasciapassare indispensabile per quasi tutte le attività quotidiane (e dal 15 febbraio fino al 15 giugno 2022, il Super green pass sarà obbligatorio anche al lavoro nel settore pubblico e privato per tutti gli over 50).

Infatti, il Super green pass da terza dose serve per poter accedere alle Rsa, strutture per anziani e hospice. Chi invece possiede il Super green pass, ma ha effettuato solo le due dosi del ciclo vaccinale primario (o è guarito dal Covid) e non si è ancora sottoposto alla dose di richiamo, potrà accedere ugualmente a queste strutture, ma dovrà esibire, oltre alla carta verde, anche la certificazione di un tampone rapido o molecolare negativo, effettuato 48 ore prima.

Ecco come dunque come scaricare il Green pass dopo aver effettuato la terza dose di vaccino.

Green pass e terza dose: come ottenere il certificato

Dopo aver effettuato la terza dose del vaccino Covid, non verrà aggiornata la ‘vecchia’ carta verde acquisita in seguito alla seconda dose. Sarà invece generato un nuovo Qr Code, quindi verrà emesso un nuovo Green pass che sarà valido per 9 mesi dalla data dell’ultima vaccinazione (ma dal primo febbraio la durata sarà ridotta a sei mesi).

Il nuovo Green pass verrà generato nel giro di 48 ore dal momento in cui ci si è sottoposti alla dose di richiamo e la persona vaccinata riceverà via sms (mittente: Min Salute) o via mail (mittente: Ministero della Salute) un messaggio con un nuovo codice Authcode per scaricarlo. Se il nuovo codice non dovesse arrivare entro 48 ore dalla vaccinazione (oppure venisse smarrito), si potrà recuperarlo su questo sito.

Green pass e terza dose: come scaricare la carta verde

Il Green pass è gratuito, non occorre pagare nulla per scaricarlo, visualizzarlo o stamparlo. E’ possibile scaricarlo in diversi modi, attraverso canali digitali o fisici (per chi non è in possesso di uno smartphone o un computer).

I canali digitali attraverso i quali è possibile scaricare il Green pass sono quattro. Tramite la App Immuni, inserendo il numero e la data di scadenza della propria tessera sanitaria e il codice Authcode ricevuto via sms o mail dal Ministero della Salute. La nuova carta verde arriva anche sull’App Io e l’avviso avviene con una notifica sul cellulare. Gli utenti dell’App devono effettuare l’accesso con la propria identità digitale (attraverso lo Spid o la Carta d’identità elettronica) per poter visualizzare il proprio Green pass, che resterà sempre disponibile nella sezione ‘messaggi’.

La certificazione verde si può anche scaricare dal sito governativo dedicato al Green pass, sempre utilizzando la propria identità digitale (Spid o Cie). In alternativa, è possibile inserire il numero e la data di scadenza della propria tessera sanitaria e il codice Authcode. Per chi non è iscritto al Sistema sanitario nazionale (e non ha la tessera sanitaria) o è stato vaccinato all’estero ma ha registrato la vaccinazione in una Asl italiana è necessario il documento d’identità (oltre al codice Authcode). Infine, è possibile acquisire il green pass dopo la terza dose accedendo al proprio fascicolo sanitario elettronico.

Chi non è in possesso di strumenti digitali (smartphone e computer) potrà acquisire il Green pass rivolgendosi al proprio medico di base o al pediatra, oppure andando in farmacia, nei laboratori pubblici e privati accreditati, portando con sé il proprio codice fiscale e la tessera sanitaria. Gli verrà consegnata la propria certificazione verde in formato cartaceo o digitale.

Green pass: informazioni e assistenza telefonica

Per chi dovesse riscontrare problemi a scaricare il Green pass, non riuscisse a recuperare da solo il codice l’Authcode dal sito oppure volesse ulteriori chiarimenti è a disposizione il numero di pubblica utilità 1500, attivo tutti i giorni, 24 ore su 24.

Il numero verde 800.91.24.91, invece, risponderà soltanto per assistenza all’App Immuni.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?