Bologna, 31 dicembre 2021 - Quarantena, si cambia. Per evitare la paralisi dell'Italia assediata dai contagi da Covid 19 (ieri oltre 98mila casi in Italia) con rischio blocco per le attività essenziali e dalla diffusione della variante Omicron, arrivano nuove regole per far fronte alla pandemia dopo quelle stabilite dal decreto di Natale. Non solo sulla quarantena, ma anche sul Super Green pass (qui come ottenerlo) che si estenderà quasi ovunque dal 10 gennaio, anche per i mezzi di trasporto pubblico locale e gli alberghi.Ter

Quarantena covid in Emilia Romagna, tamponi gratis in farmacia per uscire dall’isolamento - Covid, tampone positivo: cosa fare e quanto dura l'isolamento - "Caos quarantena: 'sequestrata' per un mese" - Covid e previsioni, Guido Silvestri vede una pandemia raffreddata - Colori regioni, il Covid corre: chi è in giallo e chi va verso l'arancione - Omicron corre: ritorno a scuola a rischio nelle Marche. "C'è anche il nodo trasporti" - Covid, nelle Marche un contagiato su 5 ha meno di 18 anni

Covid e scuola, il rientro in classe è un rebusTerza dose e contatto stretto con positivo, cosa cambia Nuove regole quarantena Covid: la circolare in Pdf. Chi sono i contatti a basso rischio

Vediamo chi è un contatto stretto di un caso positivo e come cambiano le regole della quarantena (e da quando), dopo il Consiglio dei ministri . La novità più significativa è l'eliminazione della quarantena per chi è vaccinato con tre dosi, che invece sarà sottoposto a autosorveglianza.

Cosa fare quando si contrae il covid

Tampone fai da te, come si faPositivo al Covid: cosa fare  - Covid Bologna, ipotesi uscita dalla malattia con tampone rapido - Emilia Romagna, il bollettino Covid del 30 dicembre - Marche, è nuovo record: 1.814 casi

Come faccio a sapere se sono un contatto stretto?

Il Dipartimento di Sanità Pubblica contatta le persone che vengono ritenute a rischio contagio perchè entrate in contatto con persone positive a Covid 19.

Secondo il Ministero della Salute il "contatto stretto" di una persona risultata positiva a Covid-19 è definito come:

 - una persona che vive nella stessa casa di una persona positiva al Covid

- una persona che ha avuto un contatto fisico diretto con una persona positiva (per esempio la stretta di mano)

- una persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di una persona positiva (ad esempio toccare a mani nude fazzoletti di carta usati)

- una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con una persona positiva, a distanza minore di 2 metri e di almeno 15 minuti

- una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (ad esempio aula, sala riunioni, sala d'attesa dell'ospedale) con una persona positiva al Covid senza indossare idonea mascherina

- un operatore sanitario o altra persona che fornisce assistenza diretta ad una persona positiva oppure operatori di laboratorio addetti alla manipolazione di campioni di persone positive senza l’impiego dei DPI raccomandati o mediante l’utilizzo di DPI non idonei

- una persona che ha viaggiato seduta in treno, aereo o qualsiasi altro mezzo di trasporto con distanza inferiore a due posti in qualsiasi direzione rispetto a una persona positive al Covid; sono contatti stretti anche i compagni di viaggio e il personale addetto alla sezione dell’aereo/treno dove la persona positiva era seduta.

 - Gli operatori sanitari, sulla base di valutazioni individuali del rischio, possono ritenere che alcune persone, a prescindere dalla durata e dal luogo in cui è avvenuto il contatto, abbiano avuto un'esposizione ad alto rischio e per questo potranno essere considerati contatti stretti.

Cosa deve fare un contatto stretto?

Deve avvisare il proprio medico. In particolare, in caso di sintomi come febbre, tosse o difficoltà respiratorie è richiesto di restare in casa, non recarsi al pronto soccorso o presso gli studi medici ma telefonare al medico di famiglia, al pediatra o alla guardia medica, oppure chiamare il numero verde regionale. Utilizzare i numeri di emergenza 112/118 solo in caso di effettiva necessità.

Cosa significa quarantena? E isolamento?

La quarantena si attua ad una persona sana (contatto stretto) che è stata esposta ad un caso di Covid, con l’obiettivo di monitorare i sintomi e assicurare l’identificazione precoce dei casi.

L’isolamento consiste nel separare quanto più possibile le persone affette da Covid da quelle sane al fine di prevenire la diffusione dell’infezione, durante il periodo di trasmissibilità.

Quando inizia la quarantena?

Il Dipartimento di Sanità Pubblica invia all'indirizzo mail dell'interessato e all'indirizzo mail del suo medico di medicina generale le certificazioni di inizio e fine quarantena utilizzabili anche ai fini Inps per giustificare l'assenza dal lavoro.

La quarantena inizia l'ultimo giorno di vicinanza alla persona positiva a Covid e tale data viene chiaramente indicata nella certificazione che il contatto stretto riceve dal Dipartimento di Sanità Pubblica.

Quanto dura la quarantena e chi deve farla?

Qui vediamo le regole valide finora e cosa cambia dopo il CdM di ieri. Le novità riguardano solo i vaccinati, mentre i non vaccinati potranno uscire dall'isolamento dopo 10 giorni con tampone con risultato negativo anche dopo l'entrata in vigore del nuovo decreto.

Nuove regole 

Sono entrate in vigore oggi, 31 dicembre, le nuove regole per la quarantena contenute nell'ultimo decreto approvato dal Consiglio dei ministri, dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale. 

La quarantena precauzionale “non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al Covid 19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo”.

Fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al caso, “ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo Ffp2 e di effettuare - solo qualora sintomatici - un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso”.

Quindi durante il periodo di quel che viene definito autosorveglianza sarà possibile circolare, ma indossando una mascherina di tipo Ffp2

Per la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza è necessario l'esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati; in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza”.

Per chi ha un Green pass rafforzato, ossia almeno due dosi o guarigione, da almeno 120 giorni, la quarantena si ridurrà da 7 a 5 giorni, al termine di questo periodo, sarà richiesto un tampone con esito negativo.

Un test negativo eseguito durante la quarantena ne accorcia la durata?

No. Nel caso in cui si venga identificati come “contatto stretto” di caso confermato Covid - senza aver già avuto la terza dose di vaccino, condizione che esclude la quarantena, secondo le nuove norme - , nessun test con esito negativo permette di essere esonerati dal sottoporsi ad un periodo di quarantena della durata di almeno 7 o 10 giorni (a seconda dello stato vaccinale) dall’ultima esposizione con un test antigenico o molecolare negativo.

Tampone di fine quarantena: cosa devo fare se è positivo? E se è negativo?

Se il test risulta negativo riceverete apposita comunicazione di fine quarantena via e-mail, indicativamente il giorno successivo alla refertazione. Soltanto al ricevimento della lettera di fine quarantena si può interrompere la permanenza a domicilio.

Nel caso il test risultasse positivo, la persona sarà contattata dall'Ausl. Nell'attesa, la persona e i suoi conviventi sono tenuti all’isolamento domiciliare fiduciario fino a diversa disposizione dell’autorità competente.

Chi fa la quarantena quando può tornare al lavoro?

Al termine del periodo di quarantena, la persona potrà rientrare al lavoro e il periodo di assenza potrà essere coperto dal certificato medico. Al rientro la persona dovrà contattare il medico competente della sua azienda per ulteriori informazioni.

Cosa deve fare chi è in casa con un positivo al Covid?

La persona con sospetta o accertata infezione da Covid deve stare lontana dagli altri familiari, se possibile, in una stanza singola ben ventilata e non deve ricevere visite.

Chi l’assiste deve essere in buona salute e non avere malattie che lo mettano a rischio se contagiato.

I membri della famiglia devono soggiornare in altre stanze o, se non è possibile, mantenere una distanza di almeno un metro dalla persona malata e dormire in un letto diverso.

Chi assiste il malato deve indossare una mascherina chirurgica accuratamente posizionata sul viso quando si trova nella stessa stanza. Se la maschera è bagnata o sporca per secrezioni è necessario sostituirla immediatamente e lavarsi le mani dopo averla rimossa.

Le mani vanno accuratamente lavate con acqua e sapone o con una soluzione idroalcolica dopo ogni contatto con il malato o con il suo ambiente circostante, prima e dopo aver preparato il cibo, prima di mangiare, dopo aver usato il bagno e ogni volta che le mani appaiono sporche.

Stoviglie, posate, asciugamani e lenzuola devono essere dedicate esclusivamente alla persona malata. Devono essere lavate spesso con acqua e detersivo a 60-90 °C.

Le superfici toccate frequentemente dalla persona malata devono essere pulite e disinfettate ogni giorno.

 

Ricevi l'informazione di qualità direttamente a casa tua con le nostre testate.