Bologna, 3 dicembre 2021 - Cresce ancora la curva epidemiologica in Emilia Romagna: sono 1.633 nuovi positivi su oltre 36mila tamponi effettuati, secondo il bollettino covid di oggi 3 dicembre. Aumentano i guariti (+586). Il 96,8% dei casi attivi è in isolamento a casa, senza sintomi o con sintomi lievi. L’età media dei nuovi positivi è di 39,4 anni. Purtroppo si registrano oggi sette nuovi decessi (uno in più di ieri). Capitolo vaccinazioni: 600mila terze dosi somministrate, 7,5 milioni quelle totali.

AGGIORNAMENTO Covid Emilia Romagna, Bonaccini: "Reggeremo la quarta ondata". Bollettino del 4 dicembre

Tuttavia la regione non è tra quelle a rischio zona gialla. Sono però quasi 200 in più i nuovi casi covid rilevati in Emilia Romagna (1.464 casi). Ieri era calato il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva (75); 674 quelli negli altri reparti Covid (7 nuovi ingressi nella giornata di ieri). 

Oltre 3000 contagi in Veneto - Marche a rischio zona gialla a Natale

Covid Emilia Romagna: bollettino del 3 dicembre 2021

Covid Emilia Romagna: bollettino di oggi 3 dicembre 2021

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia Romagna si sono registrati 460.131 casi di positività, 1.633 in più rispetto a ieri, su un totale di 36.174 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore (21.315 tamponi molecolari, per un totale di 6.676.536. A questi si aggiungono anche 14.859 test antigenici rapidi). La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 4,5%. 

La situazione dei contagi nelle province vede in testa Bologna con 355 nuovi casi, seguita da Modena (281) e Rimini (218); poi Ravenna (167), Reggio Emilia (123), Ferrara (115) e Forlì (111). Quindi Cesena (94), il Circondario Imolese (63), Piacenza (57) e, infine, Parma (49 nuovi casi).

Sui 740 asintomatici, 348 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 16 con lo screening sierologico, 65 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 3 tramite i test pre-ricovero. Per 308 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

Vittime covid oggi in Emilia Romagna

Purtroppo, si registrano sette decessi: uno in provincia di Modena (una donna di 86 anni), uno in provincia di Ferrara (un uomo di 70 anni), uno a Forlì (un uomo di 76 anni), uno in provincia di Ravenna (un uomo di 63 anni originario del ravennate ma deceduto a Rimini) e tre nel riminese (rispettivamente una donna di 86 anni e due uomini, di 80 e 88 anni). In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.810.

Ricoveri stabili: dati provincia per provincia

Stabile il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva (75, come ieri); 687 quelli negli altri reparti Covid (+13). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 3 a Piacenza (dato invariato rispetto a ieri); 4 a Parma (-1); 4 a Reggio Emilia (invariato); 6 a Modena (invariato); 20 a Bologna (+1); 6 a Imola (+1); 9 a Ferrara (invariato); 14 a Ravenna (-1); 3 a Forlì (invariato); 1 a Cesena (invariato); 5 a Rimini (invariato).

false

Sintomatici e asintomatici provincia per provincia

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 27.707 a Piacenza (+57 rispetto a ieri, di cui 30 sintomatici), 34.249 a Parma (+49, di cui 15 sintomatici), 53.584 a Reggio Emilia (+123, di cui 92 sintomatici), 76.184 a Modena (+281, di cui 118 sintomatici), 96.173 a Bologna (+355, di cui 202 sintomatici), 15.141 casi a Imola (+63, di cui 50 sintomatici), 27.999 a Ferrara (+115, di cui 33 sintomatici), 38.137 a Ravenna (+167, di cui 86 sintomatici), 21.503 a Forlì (+111, di cui 99 sintomatici), 24.075 a Cesena (+94, di cui  40 sintomatici) e 45.379  a Rimini (+218, di cui 128 sintomatici).

Rispetto a quanto comunicato nei giorni scorsi sono stati eliminati 6 casi, di cui 5 positivi a test antigenico ma non confermati dal tampone molecolare, e 1 giudicato non Covid-19.

Donini: "Situazione sotto controllo, non siamo da zona gialla"

Pur avendo un'alta incidenza di nuovi casi e i ricoveri in aumento, l'Emilia Romagna non ha ancora da zona gialla. Anzi, "la situazione è sotto controllo". Lo garantisce l'assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, questa mattina a Bologna per l'inaugurazione del nuovo hub vaccinale in Fiera. "La situazione è sotto controllo - assicura Donini - non siamo da zona gialla". Al momento il tasso di occupazione dei posti letto è "all'8,5% nei reparti Covid e nelle terapie intensive- spiega l'assessore- quindi siamo ancora sotto i livelli di guardia, pur avendo un'incidenza molto alta, come in tutta Italia".

Vaccino ai bambini: via alle prenotazioni in Emilia Romagna

Si aprono le prenotazioni per le vaccinazioni dei bambini, anche in Emilia Romagna. Per la fascia 5-11 anni si parte lunedì 13 dicembre, dal 16 via alle somministrazioni. L’assessore Donini: "Importante per proteggere i più piccoli nel pieno della quarta ondata". Anche l'Esercito in campo per i tracciamenti nelle scuole. 

Covid oggi: terapia intensiva dell'ospedale Spallanzani

Terapie intensive: in Emilia Romagna 75% di non vaccinati

Donini ci tiene però a ribadire che "il 73-75% dei ricoverati in terapia intensiva è non vaccinato. Quindi l'appello che rivolgo a tutti coloro che possono presentarsi agli hub per la prima dose è di farlo al più presto, perchè in questo momento la pandemia sta colpendo prevalentemente con forma grave le persone non vaccinate, anche non anziane". A confermare il quadro è il direttore generale dell'Ausl di Bologna, Paolo Bordon. Anche sotto le Due torri "la situazione è ancora sotto controllo - spiega - lo sforzo organizzativo è enorme, perchè gli ospedali sono impegnati nella gestione ordinaria delle altre patologie e nel recupero delle liste di attesa. A questo si affianca una pressione sugli ospedali che sta crescendo, ma non in maniera esponenziale. In questo momento abbiamo più di 230 persone ricoverate nei nostri ospedali". La situazione, ci tiene però a dire Bordon, "può essere ancora più sotto controllo se tutti, nel proprio piccolo, danno un contributo usando la mascherina, mantenendo il distanziamento e igienizzando le mani, che sono le regole base, e ovviamente aderendo alla campagna vaccinale".

Vaccini Emilia Romagna: 7 milioni e 500 mila dosi somministrate

Continua intanto la campagna vaccinale, estesa a tutti i cittadini sopra i 12 anni in Emilia. "I numeri dell'Italia sono tra i migliori del mondo e dell'Europa, figli di un Servizio sanitario nazionale di qualità ed eccellenza. Nelle prossime settimane raggiungeremo il traguardo delle 100 milioni di dosi somministrate. Non siamo lontani da questo traguardo". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, nel suo intervento in videoconferenza al Forum Risk Management di Arezzo. 

Anche in Emilia Romagna si prosegue a passo spedito. Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 7.506.090 dosi; sul totale sono 3.561.305 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Le terze dosi sono 601.657. 

Come ottenere il Super Green pass

Covid: Bonaccini "Le minacce dei no vax non fermeranno il mio impegno"

Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, all'indomani delle minacce ricevute dai gruppi no vax risponde con un post su Facebook  "Ci tengo a ringraziare i tantissimi che in queste ore mi hanno scritto o chiamato per esprimermi la loro solidarietà. Chi mi conosce sa che le minacce non fermeranno l'impegno che io e la giunta mettiamo ogni giorno per l'Emilia-Romagna. Anche oggi - aggiunge - sarò da mattina a sera sul territorio: dal reggiano al bolognese, terminando nel ferrarese questa sera, confrontandomi e dialogando con coloro che davvero hanno a cuore la nostra regione". 

Covid Veneto, Zaia sbotta: "Basta menate e alibi no Vax"

Coronavirus: i contagi in Italia

Sono 17.030 i nuovi casi di Covid registrati nelle ultime 24 ore in Italia, pari al 2,9% dei 588mila tamponi effettuati. I decessi sono 74 (ieri 72), per un totale di 134.077 vittime dall'inizio dell'epidemia. Cresce la pressione sugli ospedali: i pazienti nelle terapie intensive sono 10 in più di ieri con 60 ingressi del giorno e salgono a 708, mentre i ricoveri ordinari sono 87 in più di ieri, in totale 5.385.

Variante Omicron isolata allo Spallanzani. "Forse benigna, rivedere le restrizioni ai viaggi"

La nuova variante Omicron del coronavirus Sars-CoV-2 deve farci paura? "Assolutamente no. Non mi preoccuperei affatto", rassicura Francesco Vaia, direttore dell'Istituto nazionale di malattie infettive Spallanzani di Roma, che sulla base dei dati discussi con l'Inmi dai medici sudafricani avanza un'ipotesi: "Questa potrebbe essere una variante benigna".

Altre notizie sul Covid

Covid Veneto: Zaia "Aumento preoccupante"

Astrazeneca, svolta sul vaccino: "Trovata causa dei coaguli nel sangue"