Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
15 gen 2022

Tampone fai da te per inizio e fine isolamento: da quando in Emilia Romagna

Da mercoledì 19 gennaio al via l'autotesting: ecco come funziona e chi può farlo. Il virologo Pregliasco: "Esperimento interessante"

15 gen 2022

Bologna, 15 gennaio 2022 - C'è la data di inizio dell'autotesting Covid in Emilia Romagna per iniziare e chiudere l'isolamento: da mercoledì 19 gennaio 2022, quando i cittadini emiliano-romagnoli, solo se completamente vaccinati, potranno avviare o chiudere le procedure previste autonomamente - senza file in farmacia o telefonate al medico - attraverso una piattaforma web, integrata anche con il Fascicolo sanitario elettronico, "seguendo i semplici passaggi previsti e secondo requisiti e indicazioni di sicurezza", fa sapere la regione.

Covid Emilia Romagna, tampone per isolamento e quarantena. Donini: "Primi in Italia"

Approfondisci:

Omicron, Fauci e Burioni da Fazio: "Contagia tutti, inutile vaccino specifico"

La pratica è stata pensata per snellire il lavoro delle Ausl, le cui procedure di tracciamento e isolamento ingolfate, liberando così anche risorse da concentrare sulle vaccinazioni. Le persone, ha detto il presidente della Regione Stefano Bonaccini, "devono poter tornare alla vita quotidiana nei tempi previsti e il carico delle strutture sanitarie va alleggerito, anche rispetto alla gestione di una mole imponente di tamponi. Servono però anche decisioni nazionali".

Quando arriva il picco dei contagi? Ecco in quali province è già stato raggiunto - Zona arancione: a rischio le Marche. I dati Covid di Emilia Romagna e Veneto - Tamponi fai da te, quanto costano. E' corsa nelle farmacie a Pesaro

Il tampone fai da te: l'autotesting per isolamento in Emilia Romagna dal 19 gennaio
Il tampone fai da te: l'autotesting per isolamento in Emilia Romagna dal 19 gennaio

Cos'è l'autotesting e come funziona

Per autotesting si intende l'esecuzione di un test antigenico rapido nasale a domicilio che permette la diagnosi del Covid 19. Quindi, di un tampone fai da te, fra quelli validi che si possono acquistare in farmacia. Solo i vaccinati potranno fare l'autotesting. 

Tampone fai da te: come si fa e come si legge il risultato

Se questo dà esito negativo non accade nulla, se invece dà un risultato positivo occorrerà caricare la foto con l'esito stesso sul Fascicolo sanitario elettronico  e così facendo il periodo di isolamento inizia immediatamente. 

Il tampone fai da te e la procedura online potranno essere utilizzati anche per chiudere l'isolamento, anziché recarsi in farmacia. Uno, step, questo del tampone di guarigione, che sarà riservato  - a quanto si apprende - solo ai vaccinati con terza dose (booster). Tutti i dettagli saranno illustrati lunedì in conferenza stampa. 

Quanto dura l'isolamento: quando inizia e quando finisce

Una persona positiva al Covid 19 asintomatica dovrà stare in isolamento 7 giorni, dopodiché è necessario un test negativo al settimo giorno per terminarlo, se con dose booster o ciclo vaccinale completo da meno di 120 giorni. Per i non vaccinati o per chi ha completato il ciclo vaccinale da più di 4 mesi i giorni diventano 10, più il test finale naturalmente. 

Una persona positiva al Covid 19 sintomatica dovrà stare in isolamento 10 giorni dalla comparsa dei sintomi. Per uscirne serve un test negativo dopo 3 giorni senza sintomi. 

Cos'è l'isolamento e differenze con la quarantena 

L’isolamento consiste nel separare quanto più possibile le persone positive al Covid  da quelle sane al fine di prevenire la diffusione dell’infezione, durante il periodo di trasmissibilità.

Differisce dalla quarantena che invece si attua ad una persona sana (contatto stretto) che è stata esposta ad un caso Covid, con l’obiettivo di monitorare i sintomi e assicurare l’identificazione precoce dei casi.

Quarantena, a Ravenna è scontro sul tracciamento tramite smartphone

Tamponi in farmacia per chiusura di isolamento e quarantena

L'operazione di semplificazione delle procedure per i malati Covid e i contatti stretti è già iniziata questa settimana, in regione: grazie all’accordo con le associazioni delle farmacie, da lunedì 10 gennaio in Emilia-Romagna le persone senza sintomi Covid-19 possono recarsi nelle farmacie convenzionate per eseguire il test antigenico rapido nasale.

Lo possono  fare purché rientranti nei seguenti casi: per effettuare uno screening di controllo oppure, se asintomatiche e in quarantena per aver avuto un contatto stretto con un caso di Covid, per chiudere il periodo di quarantena stessa (entro 24 ore riceveranno in modalità automatica dall’azienda sanitaria il referto di chiusura del caso e riattivazione del Green pass).

Per chi è gratis il tampone in farmacia

Nel caso poi per queste persone il test risulti positivo, potranno effettuare il test antigenico rapido nasale sempre in farmacia dopo 10 giorni per la chiusura del periodo di isolamento o dopo 7 giorni nel caso si tratti di persona vaccinata con terza dose (booster), che abbia completato il ciclo primario o sia guarita dal Covid, sempre da meno di 4 mesi.

Pregliasco: "Autotest? Esperimento interessante. Stile Usa"

È un “esperimento interessante, nell'ottica di una convivenza con il virus e di una maggiore assunzione di responsabilità, anche se esiste un margine di rischio considerando la minore affidabilità degli autotest”. Così il virologo Fabrizio Pregliasco. “È un esperimento un po’ anticipato rispetto ai tempi complessivi e all'andamento della curva epidemica ancora in salita - sottolinea Pregliasco - ma vediamo gli esiti”.

Si va, sottolinea, “verso una necessaria maggiore responsabilizzazione del cittadino, e questo è un approccio adottato anche negli Stati Uniti, dove è possibile l'acquisto degli autotest anche via Internet”. 

Certamente, aggiunge, “un margine di rischio esiste, per la minore attendibilità di questi autotest, ma d'altronde l'Italia non può continuare ad essere un 'tamponificio’. Questo maggior rischio è calcolato ed accettato rispetto - conclude l'esperto - all'impossibilità di eseguire milioni di test su milioni di persone ripetutamente”.

Fuorisede esclusi dall'autotest: la protesta

Dalla possibilità dell'autotesting sono esclusi almeno 40.000 studenti fuorisede, a cui si aggiungono i lavoratori non residenti in Emilia Romagna, perché non hanno il medico di base in regione. A denunciarlo è Sinistra universitaria di  Bologna, che si appella alla Giunta Bonaccini perché estenda anche ai fuorisede questa misura.

Novavax: il vaccino per gli indecisi rischia di arrivare troppo tardi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?