Bologna, 6 agosto 2018 - Una persona deceduta, 100 feriti, di cui 14 in gravi condizioni e 4 gravissimi e decine di sfollati: è il pesantissimo bilancio del vasto incendio (VIDEO) che alle 13,40 si è sviluppato nella tangenziale di Bologna, tra l'uscita 2 e 3, sul ponte del raccordo Casalecchio A1-A14. Si sono scontrati un tir che trasportava gpl, un camion e una bisarca in un triplice tamponamento che ha causato prima un incendio e poi, surriscaldato dalle fiamme, il gas è esploso con un boato fortissimo. Domani, martedì 7, in città arriverà anche il premier Giuseppe Conte.

AGGIORNAMENTO Un morto e 145 feriti - Dopo 8 giorni: c'è la seconda vittima - Il ponte crollato riapre a inizio ottobre -  Il poliziotto eroe: "Allontanavo la gente con la schiena bruciata" - Il camionista fuggito tra le fiamme - La stima dei danni: 10 milioni

LE INDAGINI Cisterna killer, tanti dubbi. Droni a caccia della verità - Al vaglio dei pm il traffico web e social dell'autista

LO SCHIANTO E L'ESPLOSIONE: leggi qui la dinamica del tamponamento in A14 che ha innescato tutto

L'INCIDENTE - L'esplosione che ne è conseguita è stata terrificante: lo spostamento d'aria ha infranto i vetri di moltissime finestre: in quel tratto l'A14 passa proprio rasente alle abitazioni di Borgo Panigale, popolo quartiere della periferia bolognese. Le fiamme. altissime e alimentate dal gas altamente infiammabile, si sono poi propogato nelle zone sottostanti al ponte, ossia in via Caduti di Amola e via Marco Emilio Lepido. Il traffico è stato immediatamente bloccato in entrambe le direzioni, interrompendo il flusso di auto sia in tangenziale che in autostrada (VIDEO).

I RACCONTI DEL TERRORE: "Colpiti da un meteorite di fuoco"

L'Italia, dunque, è spezzata a metà e le ripercussioni sul traffico sono fortissime. I tecnici avvertono che servirà parecchio tempo per ripristinare la normale viabilità, anche se il ministro Toninelli assicura che si lavorerà per accorciare i tempi al massimo.

TRAFFICO: autostrada chiusa. Ecco i percorsi alternativi

L'INCHIESTA - La procura di Bologna ha aperto un'inchiesta per disastro colposo a carico di ignoti: un atto dovuto che servirà ad accertare la dinamica dlel'incidente. Sul posto nel pomeriggio si è recato anche il procuratore capo di Bologna, Giuseppe Amato (VIDEO)

Un testimone: "Abbiamo pensato a un attentato"

FUOCOF_32873346_155740

Tutti i video dell'incendio e delle esplosioni 

image

LE ESPLOSIONI - Il ponte dell'A14, sventrato dalla violentissima esplosione, è crollato. Sotto, ci sono due concessionarie: una Fiat e una Peugeot. Le auto nei pizzali si sono incendiate con un effetto domino terrificante, le esplosioni si sono susseguite a ripetizione. Alcuni dipendenti delle concessionarie sono tra i feriti, ma nessuno pare in gravi condizioni. "L'onda d'urto è stata violentissima - spiega l'ingegner Giovanni Carella, coordinatore emergenze dei vigili del fuoco dell'Emilia-Romagna - molti feriti, infatti, hanno ferite da taglio per i vetri scoppiati".

LEGGI ANCHE - La situazione del traffico

image

MORTI E FERITI - Sono decine le ambulanza che si sono precipitate sul posto, assieme ai vigili del fuoco intervenuti in forze. Ha perso certamente la vita l'autista della cisterna di Gpl. L'uomo per ora è l'unica vittima accertata. Più caotica la situazione dei feriti. Il pronto soccorso del Maggiore è stato preso d'assalto. Alle 20 il punto sanitario è il seguente (qui il video del bilancio): al Maggiore sono arrivate 70 persone, tutte con problemi di ustioni e traumi. Quattro gravissimi, ma non in pericolo di vita, invece sono stati trasferiti nei due centri grandi ustionati della regione: due a Parma e due a Cesena. I primi ad essere investiti dalle fiamme e dalle esplosioni sono stati 3 poliziotti (di cui uno in gravi condizioni) e 11 carabinieri rimasti feriti durante le operazioni di soccorso (FOTO). Tanti anche i contusi che si sono presentati con i propri mezzi ai vari pronto soccorso della città. 

image

BORGO PANIGALE - La Protezione civile e la Polizia municipale del Comune di Bologna hanno fatto sapere di aver allestito un gazebo informativo che si trova in via Panigale 5 (davanti al punto Snai) dove i cittadini che abbiano bisogno possono segnalare problemi e chiedere aiuto. Sul posto si trova anche un'ambulanza. La Polizia municipale fa sapere che gli anziani che non possono rientrare nelle loro residenze possono rivolgersi al Centro Sociale Il Parco di via Edgard Allan Poe 4 (tel. 051567405). Sono in corso verifiche di Polizia municipale, Vigili del fuoco e Protezione civile sulla presenza di persone nelle case e sull'agibilità degli edifici di via Caduti di Amola, via Panigale, via Marco Celio e via Bragaglia. Intanto per garantire la sicurezza nella 'zona rossa' dell'incidente è stato deciso un presidio fisso di vigili e forze dell'ordine che proseguirà anche durante la notte.

GLI SFOLLATI - Finora le persone che si sono rivolte al punto informativo per i residenti "alcune decine" e per quanto riguarda coloro che potrebbero aver bisogno "parliamo nel caso di alcune decine, al massimo un centinaio", è il punto dell'assessore alla Sicurezza di Bologna, Alberto Aitini.  Infatti i danni alle abitazioni "non dovrebbero essere enormi, si parla soprattutto di rottura di finestre non di danni strutturali". 

I DANNI - Oltre alle abitazioni, anche molte imprese artigiane della zona sono rimaste danneggiate dall'esplosione (VIDEO). Le più colpite sono le concessionarie vicino al ponte: Maresca e Fiorentino e l'AutoFrance del Campani group. Lo denuncia Cna che sottolinea: "I danni riportati sono ingenti e molte delle nostre imprese sono state colpite. Siamo a disposizione per supportarle e le invitiamo a rivolgersi all'ufficio Cna di Borgo Panigale per tutta l'assistenza che sarà necessaria". Ascom-Confcommercio offre "assistenza legale gratuita agli imprenditori e alle imprenditrici nostri associati coinvolti nella vicenda". 

image

IL TURISMO DELL'ORRORE - "Per favore non andate a Borgo Panigale a curiosare, fare foto o video", è l'appello lanciato dal segretario del Pd di Bologna e deputato Francesco Critelli. Ascom ha già offerto assistenza legale gratuita per le imprese coinvolte nel rogo. Anche il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ha rivolto "un pensiero alle vittime e ai feriti della terribile esplosione di Borgo Panigale e un grazie di cuore ai 100 vigili del Fuoco prontamente intervenuti sul posto". 

LE REAZIONI / Martedì arriva il premier Conte. Di Maio: "Riferiremo subito in aula"

INCENDIO ALTO_32873991_162035