Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
8 lug 2022

Decapitato a Forlì, il fratello di Franco Severi interrogato, ma non confessa

Svolta nelle indagini: ieri all’alba i carabinieri hanno posto sotto fermo indiziario il fratello della vittima, trovato decapitato il 22 giugno

8 lug 2022
maurizio burnacci
Cronaca

Forlì, 9 luglio 2022 - Nove ore sotto torchio. Ma non ha confessato Daniele Severi, il fratello di Franco, il 53enne trovato morto decapitato il 22 giugno scorso in un dirupo vicino alla sua casa colonica nella zona di Ca’ Seggio, una frazione di Civitella. Daniele è in stato di fermo, accusato dell’omicidio di Franco. "Se ha confessato? Assolutamente no. Lui è innocente" ha detto Maria Antonietta Corsetti, il legale di Daniele ieri alle 19 all’uscita della caserma dei carabinieri di Meldola. Caserma dove Daniele è stato interrogato per nove ore, dopo essere stato prelevato dalla sua abitazione di Meldola ieri all’alba. Aggiornamento Omicidio Franco Severi a Forlì, la difesa del fratello: "Il sangue nelle scarpe è vecchio" Boscaiolo decapitato a Forlì, tutti i misteri dell'omicidio Franco Severi decapitato a Forlì: arrestato uno dei suoi fratelli Da ieri sera Daniele è in una cella del carcere della Rocca di Forlì, accusato dell’omicidio del fratello. Ma lui non ha ammesso nulla. Anzi, fonti di procura ammettono che l’uomo è stato irremovibile: "Io sono inncoente". Adesso la palla passa al giudice, che già stamattina dovrà decidere se convalidare o no il fermo per indiziato di reato, provvedimento che la procura ha eseguito dopo avere ottenuto un dato che gli inquirenti ritengono la pistola fumante per stabilire la colpevolezza di Daniele. Ossia, il referto dei carabinieri dei Ris, che avrebbe confermato che le tracce di sangue trovata su un paio di scarpe dell’indagato sarebbero effettivamente di Franco. La cui testa continua ad essere dispersa chissà dove. I detective – coordinati dalla procuratrice Maria Teresa Cameli e dal pm Federica Messina – erano convinti che Daniele (ex dipedente dell’Ausl, prima come impiegato, negli ultimi anni come autista delle ambulanze) ammettesse tutto, specie se posto di fronte al verbale dei Ris, che certifica che la traccia ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?