Quotidiano Nazionale logo
13 mag 2022

Raccolta frutta a Forlì e Cesena: manca il 30% di forza lavoro

Allarme delle associazioni di categoria dell’agricoltura: "Rispetto a tre anni fa manca il 30% della forza lavoro, servono più stranieri"

elide giordani
Economia
raccolta delle pere (repertorio). A fianco dall’alto Marco Baldacci (Confagricoltura) e Danilo Misirocchi (Cia Romagna)
raccolta delle pere (repertorio). A fianco dall’alto Marco Baldacci (Confagricoltura) e Danilo Misirocchi (Cia Romagna)

Forlì, 13 maggio 2022 - Ce l’hanno ben chiaro le organizzazioni dei produttori ortofrutticoli: se la progressiva carenza di manodopera non inverte la tendenza la produzione primaria della filiera (forte nella nostra area di importanti sistemi di gestione, lavorazione e produzione ma non più di vaste dimensioni poderali) si spegne inesorabilmente. I campi in Romagna, e soprattutto a Forlì e Cesena, sono ancora fruttiferi ma non ci sono braccia per diradare, potare, raccogliere. Rispetto a tre anni fa manca il 30 per cento della forza lavoro, andando ancora indietro nel tempo la contrazione è del 50 per cento. E’ anche a causa di questa carenza che molti agricoltori abbandonano le produzioni intensive tipiche della nostra area. Sono in crisi soprattutto le coltivazioni di pesche, albicocche, susine e fragole. Nel 2022, dice Confagricoltura Emilia-Romagna, servono 5 milioni di giornate lavorative per soddisfare il fabbisogno dei frutteti emiliano-romagnoli. Ce ne saranno poco più di 3 milioni. "Il problema è di vecchia data - commenta Danilo Misirocchi, presidente di Cia Romagna (7 mila aziende romagnole associate) - e dobbiamo puntare il dito contro i decreti flussi che dovrebbero garantire manodopera straniera. Del resto quella italiana è del tutto scomparsa e non c’è altra soluzione". Manodopera non specializzata, soprattutto, proveniente dall’Albania e dall’Africa poiché neppure i Paesi della Ue, come la Romania, offrono più grandi disponibilità. Si fa strada anche l’opzione degli ucraini, gente che per tradizione sa lavorare la terra. "Ci siamo orientati alla richiesta di un anticipo del decreto flussi previsto per giugno - evidenzia Misirocchi -, poiché ad oggi, a fronte di una richiesta di 900 lavoratori per l’area di Forlì e Cesena, peraltro valida per tutti i settori stagionali compreso il turismo, ne sono stati autorizzati solo 200. Occorrerebbe che questi lavoratori potessero estendere il loro soggiorno in Italia e magari ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?