Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Forlì deve riequilibrare la battaglia dei lunghi

Lunedì, a Cantù, Benvenuti e Bruttini hanno segnato 8 punti col 17% al tiro. Per Cusin, Da Ros e Bayehe 24 totali con l’83%

simone casadei
Sport
Lorenzo Benvenuti durante gara2: ha tirato 1/9 da due e 0/2 da tre (Garavaglia)
Lorenzo Benvenuti durante gara2: ha tirato 1/9 da due e 0/2 da tre (Garavaglia)
Lorenzo Benvenuti durante gara2: ha tirato 1/9 da due e 0/2 da tre (Garavaglia)

di Simone Casadei

Alla Pallacanestro 2.015 non è bastata una delle migliori prestazioni esterne stagionali per vincere a Cantù. Dopo aver messo in difficoltà i padroni di casa per almeno tre quarti, guidando nel punteggio al 30’ (con un vantaggio inferiore rispetto a quanto meritato), i biancorossi hanno ceduto di schianto nell’ultima frazione di gara2. A fine partita, non a caso, Dell’Agnello ha puntato il dito contro i numerosi e costanti ‘erroracci’ nel tiro in avvicinamento.

Forlì non è riuscita a capitalizzare i vantaggi creati sotto canestro da Lucas (nonostante i soli 2 punti) e dagli altri esterni, chiudendo col 41% di realizzazione da 2 punti, frutto di un rivedibile 1537 al tiro. Sul banco degli imputati, inevitabilmente, finiscono i due lunghi della formazione biancorossa, Lorenzo Benvenuti e Davide Bruttini, protagonisti di una serata a dir poco negativo. Se in difesa hanno comunque provato a dar battaglia ai pari ruolo brianzoli, nella metà campo avversaria hanno trovato appena 8 punti in combinato. Ha chiuso a soli 3 il livornese classe ’95, 5 punti in saccoccia, invece, per il veterano senese. Da mani nei capelli, purtroppo, il computo da 2 punti del duo toscano: 19 per Benvenuti (a cui si aggiunge pure uno 02 dall’arco), fa poco meglio, 29, Bruttini. Nel complesso, un 318 (17%) che la dice lunga sul feeling mai scattato col pitturato del PalaDesio. Cusin ha dato 2 stoppate e disturbato i loro movimenti, ma alcune conclusioni sono uscite più per demerito dei biancorossi.

Bandolo della matassa che invece hanno saputo trovare i ‘mezzi lunghi’ dell’Unieuro. Con Rush alla sua miglior prestazione degli ultimi tempi (14 punti, 47 da 2: uno dei migliori tra i forlivesi) e un Pullazi che, a spizzichi e bocconi, si è comunque ritagliato i suoi 8 punti tra ‘sportellate’ e tentativi dall’arco.

Piuttosto significativo il confronto coi pari ruolo in maglia Acqua San Bernardo, con Da Ros, Bayehe e Cusin che hanno segnato 24 punti in tre. Una rotazione dei lunghi più profonda e tatticamente differente rispetto a quella di Forlì, con una dose di atletismo in più garantita dallo stesso Jordan. Ma il dato più interessante, qui, è un altro. A parità di assist al bacio in arrivo dalla cabina di regia, il trio canturino ha tirato meno (12 conclusioni) sbagliando solo due volte: 45 per Da Ros, 45 per Bayehe. Dai propri ‘big men’, Cantù ha un ottimo 1012 (83%), Forlì, appunto, 318: la differenza di gara2 è tutta racchiusa in questi numeri.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?