Quotidiano Nazionale logo
16 apr 2022

La baby-fidanzata lo lascia Bancario sotto indagine

L’uomo, 58enne di Milano Marittima, è stato denunciato per stalking. Avrebbe molestato la sua ex, una 24enne studentessa universitaria forlivese

Nonostante la differenza di età, la storia era iniziata per sentimento condiviso
Nonostante la differenza di età, la storia era iniziata per sentimento condiviso
Nonostante la differenza di età, la storia era iniziata per sentimento condiviso

Pare di sentirli, i commenti di chi li vedeva fare shopping nei negozi alla moda di Milano Marittima: "Quella potrebbe essere sua figlia...". E in effetti, carta d’identità alla mano, la differenza d’anni è notevole: 34. I due però, quando ebbe inizio la loro relazione si amavano (o credevano di sì). Lui 58 anni, bancario, residente a Milano Marittima. Lei 24 anni, studentessa universitaria forlivese, di una bellezza da levare il sonno. Dall’amore alle aule di tribunale, però, il passo è meno lungo di quanto si possa credere.

Sarà proprio il 58enne, in maggio, a dover affrontare a Forlì lo scoglio dell’udienza preliminare perché accusato di stalking (a difendere l’uomo è Giuseppe Della Casa). Facciamo un passo indietro, tornando al 2019, quando i due si conobbero a Milano Marittima. Un flirt estivo? Proprio no, perché l’allora 21enne decise di trasferirsi in pianta stabile a casa del bancario, provocando reazioni contrastanti: felicità (del neo compagno) e ira (da parte dei due figli dell’uomo, entrambi maggiorenni).

I dissidi domestici tra la ragazza e i quasi coetanei, uniti alla gelosia dell’uomo, portano la relazione a un binario morto; nel maggio del 2021 la forlivese decide di troncare il rapporto con l’uomo. Per poter scrivere la parola fine sulla love story, la 24enne si presenta nella casa di Milano Marittima per portare via i suoi effetti personali. È in quell’occasione che la ragazza sarebbe stata aggredita con calci e pugni dai due figli del bancario. Dopo l’aggressione, la studentessa si mise in contatto con la sorella e si fece curare al pronto soccorso, dove le diagnosticarono ferite giudicate guaribili in una ventina di giorni.

La 24enne, assistita dagli avvocati Giovanni Principato e Andrea Romagnoli, ha deciso di sporgere denuncia querela nei confronti dei due ragazzi; sarà il tribunale di Ravenna a accertare se i due, rinviati a giudizio, sono responsabili di lesioni gravi e violenza privata perché i fatti avvennero a Milano Marittima (la 24enne si è costituita parte civile). L’episodio dell’aggressione è stato seguito da un’esplosione di gelosia da parte dell’uomo, che avrebbe messo in atto una serie di azioni – telefonate continue a tutte le ore del giorno e della notte, messaggi e mail dal contenuto offensivo – con l’obiettivo di riprendere la relazione con la donna. In base alla ricostruzione degli avvocati della 24enne, la giovane sarebbe anche stata minacciata e ingiurata pesantemente, tanto da sprofondare in uno stato di ansia e paura, con timori per la propria incolumità.

Dopo l’ennesima minaccia, la 24enne ha deciso di presentare denuncia per stalking (atti persecutori, da codice penale) contro l’ex compagno. Sarà ora il gup a decidere se rinviare o meno a giudizio il bancario; a svolgere le indagini i carabinieri.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?