L’ingresso al campo di concentramento di Auschwitz
L’ingresso al campo di concentramento di Auschwitz

Predappio (Forlì), 8 novembre 2019 - «Il Comune di Predappio nega un contributo alla partecipazione di ragazzi predappiesi al progetto Promemoria Auschwitz-Treno della Memoria. Così la nostra associazione copre la quota mancante di 370 euro per consentire il percorso di studi ad uno studente». Lo sostengono l’Associazione GenerAzioni in Comune e il gruppo consigliare di minoranze dell’omonima lista, guidato dal capogruppo Gianni Flamigni.

Il progetto nazionale di educazione alla cittadinanza, patrocinato da Senato e Camera, coinvolge gli studenti predappiesi delle superiori dal 2011, grazie al contributo dell’amministrazione comunale e di associazioni del territorio. Quest’anno sono due gli studenti che hanno aderito: una quota è stata messa a disposizione da Anpi Forlì-Cesena e «l’altra avrebbe dovuto coprirla l’amministrazione», che ha rifiutato.

AGGIORNAMENTO Scoppia la polemica

Così sarà coperta da GenerAzioni in Comune. Secondo gli estensori del comunicato, «vedere Auschwitz oggi e coglierne il significato, le implicazioni e le complessità non può prescindere da una prospettiva che non si limiti alla memoria nazionale, ma sappia allargare lo sguardo a una dimensione più ampia. Guardare alla storia delle persecuzioni e degli stermini della seconda guerra mondiale significa costruire la consapevolezza che i processi che ne furono alla base sono parte di un passato comune, così come lo sono le conseguenze sociali, politiche, culturali che quella storia ha portato».

LEGGI ANCHE Il sindaco di Forlì: "La storia si rispetta"

Concludono gli estensori del comunicato: «Troviamo ingiustificabile e un atto molto grave il mancato contributo da parte dell’amministrazione comunale di Predappio a questo importante progetto, che aiuta i giovani o conoscere la storia in modo critico».

Risponde il sindaco Roberto Canali: «Non siamo contrari al Treno della Memoria o al far conoscere i campi di sterminio nazisti, fra cui Auschwitz, ma al fatto che questo treno vada in un’unica direzione, cioè solo verso Auschwitz. Quando i Treni della Memoria andranno in tutte le direzioni e si fermeranno anche presso altri luoghi di oppressione del Novecento, come per esempio il Muro di Berlino o le Foibe, allora la nostra amministrazione contribuirà all’iniziativa. Infatti, la storia va conosciuta tutta e non solo quella di parte». Conclude il primo cittadino: «La conoscenza della storia di parte non può essere finanziata con i soldi pubblici».