Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
31 mag 2022

Forlì, sfuma Emanuele Righi: il ds va all’Imolese. Ancora caccia al nuovo manager

31 mag 2022
Emanuele Righi aveva vinto la D col Giugliano
Emanuele Righi aveva vinto la D col Giugliano
Emanuele Righi aveva vinto la D col Giugliano
Emanuele Righi aveva vinto la D col Giugliano
Emanuele Righi aveva vinto la D col Giugliano
Emanuele Righi aveva vinto la D col Giugliano

Indietro tutta. Non sarà Emanuele Righi il nuovo direttore sportivo del Forlì. Il 47enne vulcanico dirigente bolognese ha declinato la proposta del club di viale Roma, preferendo sposare la causa dell’Imolese; ieri la fumata bianca, oggi la presentazione: ricoprirà il ruolo di responsabile dell’area tecnica in luogo di Aniello Martone, ai ferri corti con il presidente Antonio De Sarlo. Pur scegliendo una formazione di serie C, Righi non ne avrebbe fatto una questione di categoria ("quello che maggiormente mi interessa sono il progetto e gli obiettivi – ha recentemente dichiarato confermando i contatti con il Forlì –; da questo punto di vista voglio essere molto chiaro: se vengo in una società di serie D è solo perché c’è la possibilità di vincere il campionato, come ho fatto prima a Mantova e quest’anno a Giugliano").

Ad ogni modo ora dovrà riprendere la sfilata dei candidati alla poltrona che fu di Carlo Di Fabio. Sfumato il nome ‘forte’, quello in cima alla lista dei desiderata biancorossi, cade anche la candidatura di un altro papabile: Matteo Sabbadini, ex ds di Sambenedettese e Ravenna, segnalato in procinto di firmare per l’ambizioso Athletic Carpi. In attesa di sviluppi urgenti, tornano dunque in auge i profili emersi nelle prime ore, segnatamente le piste che conducono ad Andrea Mussi (già responsabile scouting del Siena e in precedenza ds del Carpi) e Alessandro Degli Esposti (Fidelis Andria, Torres, Cerignola). Al netto di una seconda tornata di nomi, non sarebbe da escludere nemmeno la soluzione interna, con la promozione di Christian Longobardi.

Marco Lombardi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?