Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 apr 2022

Forlì, la sorpresa di Pasqua si chiama Natali

Una tripla dell’ala toscana risolve nel finale una gara sofferta. Trapani parte meglio e nell’ultimo quarto si avvicina a 1 solo punto

16 apr 2022
fabio gavelli
Sport

Unieuro Forlì

87

2B Control Trapani

83

UNIEURO FORLI’: Lucas 13 (411, 02), Bolpin 11 (26, 14), Rush 16 (77, 05), Pullazi 2 (12), Benvenuti 14 (46, 11), Giachetti 7 (34, 01), Natali 13 (01, 35), Bruttini 11 (59), Bandini (01), Ndour; Palumbo e Zambianchi n.e. All. Dell’Agnello.

2B CONTROL TRAPANI: Romeo 9 (48, 02), Massone 11 (49, 01), Wiggs 17 (57, 25), Mollura 15 (45, 03), Childs 18 (813, 01), Tomasini 8 (02, 23), Taflaj 4 (11, 03), Guaiana 1 (01 da tre); Biordi e Basciano n.e. All. Parente.

Arbitri: Martellosio, Pellicani, Bramante.

Parziali: 20-25, 48-44, 69-60.

Note - T2: Forlì 2647 (55%), Trapani 2645 (58%); T3: Forlì 518 (28%), Trapani 419 (21%); TL: Forlì 2023 (87%), Trapani 1927 (70%). Rimbalzi: Forlì 35 (8 offensivi), Trapani 36 (9 offensivi).

di Fabio Gavelli

Il dardo scagliato da Nicola Natali a 28 secondi dalla fine centra la retina e nel momento più critico, allo scadere di un’azione fiacca, Forlì sale 85-81. È l’azione decisiva del match, i biancorossi tornano così al successo nella prima delle 4 gare della fase a orologio. Una faticaccia, va detto subito, male il primo e l’ultimo periodo – come spesso accade all’Unieuro in questa stagione – meglio i quarti centrali, in particolare il secondo che ha girato il vento della partita.

Cominciamo dalla fine. Avanti di 10 (72-62 a 9’ dal termine), uscito per un leggero infortunio Childs che fino a quel momento aveva messo in croce la retroguardia biancorossa, Forlì si ritrova in piena bonaccia; gioco ristagnante, poche idee, ancor meno birra in corpo. Il quintetto small dei siciliani con Mollura (198 centimetri) da pivot prende a rosicchiare un punto dopo l’altro. A un minuto e mezzo dalla sirena sta 82-79 dopo un’invenzione di Giachetti, ma per due volte lo stesso Mollura riporta Trapani a una sola lunghezza. Ci vuole la prodezza di Natali e un errore difensivo degli ospiti, che perdono l’occasione per fare fallo sull’85-83 e si lasciano scappare Lucas a una dozzina di secondi dalla chiusura (87-83).

Riavvolgendo il nastro, partenza poco incisiva per Forlì (proprio quello che voleva evitare coach Dell’Agnello alla vigilia), a disagio contro la maggiore velocità di Trapani spinta dalle incursioni in area di Wiggs e dalla verticalità di Childs, abile a finalizzare i pick’n roll. È subito 4-10, Forlì ricuce ma il pressing a tutto campo dei siciliani risulta indigesto agli esterni biancorossi. Si va al primo riposo 20-25, Lucas non pervenuto e 0 su 5 di squadra nelle triple.

Il secondo quarto si apre sull’antisportivo a Bolpin, ma subito dopo l’Unieuro riesce a mettere più pressione in difesa e sulla prima bomba biancorossa (di Giachetti) c’è la parità (31-31). Childs, che prende al volo gli inviti dei compagni e li deposita a canestro, al terzo fallo esce e Forlì respira un po’.

L’incontro però è equilibrato, la forbice si allarga solo nel terzo periodo, quando Trapani scende di energia e fatica in attacco; sul missile di Natali Forlì va sul +11 (67-56) verso la fine della terza frazione. Parrebbe un match da gestire senza affanni, perché il body language di Trapani non è aggressivo. Invece non è così, nell’ormai famigerato ultimo quarto dei biancorossi la palla non circola, le gambe si fanno pesanti, 5 punti nei primi 5 minuti segnalano che la spia rossa è accesa. Forlì se la cava appoggiandosi al mestiere e all’abnegazione di Bruttini e grazie a un Natali in vena di tiro.

I biancorossi soffrono ma la portano a casa. Scenderanno in campo mercoledì sera a Torino, sconfitta ieri sera nel finale a Ravenna.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?