La presentazione della mostra con le autorità
La presentazione della mostra con le autorità

Forlì, 9 luglio 2020 - Prende sempre più forma il disegno della prossima mostra che si terrà al San Domenico a partire dal marzo 2021 e che avrà come oggetto la figura di Dante, nell'ambito delle celebrazioni dei 700 anni dalla sua morte. La prossima esposizione che avrà come titolo 'Dante. La visione dell'arte', per la prima volta, sarà organizzata dalla Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì in collaborazione con la Galleria degli Uffizi di Firenze, su idea del suo direttore Eike Schmidt e di Gianfranco Brunelli, direttore delle grandi mostre forlivesi. 

false

Per la mostra, arriveranno da Firenze nella città romagnola il ritratto di Alighieri e quello di Farinata degli Uberti di Andrea del Castagno, di solito non visibili agli Uffizi poiché si trovano negli spazi della chiesa di San Pier Scheraggio, non accessibile al pubblico. Nell’esposizione forlivese si vedrà anche un altro ritratto di Dante, in questo caso dipinto da Cristofano dell’Altissimo per la serie commissionata da Cosimo I de’ Medici dedicata agli uomini illustri.

Ci sarà la Cacciata dal Paradiso terrestre di Pontormo e persino un disegno di Michelangelo che ritrae un dannato nell’Inferno della Divina Commedia, oltre a una scelta di pregiatissimi disegni di Federico Zuccari per l’edizione cinquentesca illustrata del testo. E poi i personaggi: un busto marmoreo di Virgilio, realizzato dallo scultore settecentesco Carlo Albaci e una delle più recenti acquisizioni delle Gallerie degli Uffizi, la tela ottocentesca del protoromantico toscano Nicola Monti intitolata ‘Francesca da Rimini all’Inferno’. Numerose le opere d’arte prestate da musei di tutto il mondo per un totale di 200 pezzi.