Sono regolarmente aperte al pubblico le Terme di Castrocaro. L’ultimo dpcm prescrive infatti la chiusura dei centri termali ma non di quei presidi in cui le cure siano erogate a scopo sanitario ovvero con finalità terapeutica e preventiva. Nella mattinata di ieri ci aveva pensato l’assessore regionale al turismo Andrea Corsini a spazzare il campo dai dubbi, annunciando l’apertura in totale sicurezza dei 24 centri termali dell’Emilia-Romagna. Una puntualizzazione che trova conferma...

Sono regolarmente aperte al pubblico le Terme di Castrocaro. L’ultimo dpcm prescrive infatti la chiusura dei centri termali ma non di quei presidi in cui le cure siano erogate a scopo sanitario ovvero con finalità terapeutica e preventiva. Nella mattinata di ieri ci aveva pensato l’assessore regionale al turismo Andrea Corsini a spazzare il campo dai dubbi, annunciando l’apertura in totale sicurezza dei 24 centri termali dell’Emilia-Romagna. Una puntualizzazione che trova conferma nelle parole di Lucia Magnani, amministratore delegato di Longlife Formula srl, la società privata che detiene la maggioranza delle quote azionarie e gestisce le Terme di Castrocaro.

"Continua l’erogazione di tutte le cure termali, prosegue l’attività fisioterapica incluso l’utilizzo della piscina di riabilitazione ed è aperto al pubblico il poliambulatorio con tutti i medici specialisti – spiega la manager –. Siamo infatti riconosciuti come presidio sanitario e le nostre prestazioni rientrano nei ’lea’, ovvero nei livelli essenziali di assistenza". Via libera dunque alle piscine della spa termale con le ‘magiche acque sulfuree e salsobromoiodiche’ e "i fanghi di velluto’ e anche all’attività del centro estetico. Restano inaccessibili solo sauna e bagno turco. Una continuità operativa garantita nella rigorosa osservanza di protocolli di sicurezza. "I clienti hanno un incontro con il medico e solo in seguito possono sottoporsi alla balneoterapia".

Già dalla riapertura dopo il lockdown, un’equipe di medici del presidio, guidati dal direttore sanitario dott. Marco Conti, aveva definito un protocollo per garantire l’accoglienza della clientela in sicurezza, la tutela della salute degli ospiti e del personale, ambienti puliti e sanificati, ampi spazi nelle sale d’attesa. Sempre in casa Terme va segnalato il recente conseguimento di un prestigioso riconoscimento per i protocolli osservati in seno al Grand Hotel Castrocaro Long Life Formula e alla Lucia Magnani Health Clinic, che sono stati certificati dal Bureau Veritas, azienda leader in servizi di certificazioni in ambito di qualità, salute e sicurezza.

Il nuovo dpcm non ha modificato i servizi in essere nemmeno presso le Terme della Fratta. Rimangono sospesi invece quelle attività che non avevano comunque ripreso l’avvio dopo il primo lockdown: bagno turco, bagno romano e la piscina non termale; così come previsto dal protocollo di servizio sottoscritto dalla gestione delle Terme.

Francesca Miccoli