Quotidiano Nazionale logo
2 apr 2022

Una poesia per dire che vogliamo bene alla Segavecchia

Con una mia umile poesia, in dialetto, vorrei dare il bentornato a una delle feste più antiche di Forlimpopoli: ben tornata Segavecchia.

La Segavécia

L’è una vécia spintacèda

Bròta sporca… sduganéda…

J’occ spiritej… e tòta sdintéda.

Ma tòt quent aj’vlèn un gran bèn

e ogni àn a la festegièn .

A la purten in prucision

par al stredi de paès…

lè una festa…un aligrì

che l’inveran e porta vj.

L’è un ùcasion par stér insèn…

Grend e znìn…nòn e burdèl.

Tra carameli e frota sèca…

la zambéla e la sunzeza

e sansvès e la panzeta…

us pè d’lés in Paradis

e par tòt quent uj’è un suris.

E se pù vùit burdèl

A fasì i brev e i bùn… Alè…

tot a fè un zir in ti baracùn…

Ecco la traduzione in italiano.

La Segavecchia

È una vecchia spettinata

Brutta… sporca… vestita male.

Gli occhi spiritati e tutta sdentata.

Ma tutti quanti gli vogliamo un gran bene e ogni anno la festeggiamo.

La portiamo in processione per le strade del paese... è una festa… un’allegria, che l’inverno porta via.

È un’occasione per stare insieme

grandi e piccoli… nonni e bambini.

Tra caramelle e frutta secca…

la ciambella e la salsiccia…

il sangiovese e la pancetta…

sembra di essere in paradiso e per tutti c’è un gran sorriso.

E se poi voi bambini fate i bravi e i buoni… alè, tutti a fare un giro nelle giostre…

Maurizio Maraldi,

poeta dialettale

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?