In alto, Cecilia Celli. Al centro, la cancellata su cui è stata sbalzata. Sotto, la moto finita in un fossato. Sul posto, la polizia locale per i rilievi (foto Frasca)
In alto, Cecilia Celli. Al centro, la cancellata su cui è stata sbalzata. Sotto, la moto finita in un fossato. Sul posto, la polizia locale per i rilievi (foto Frasca)
Quella che doveva essere una giornata spensierata, da trascorrere insieme, si è trasformata in tragedia. È morta ieri poco dopo le 14.30 Cecilia Celli, 18 anni non ancora compiuti (li avrebbe festeggiati in dicembre), a seguito di un incidente stradale avvenuto in viale Bidente all’altezza dei civici 168 e 231. Cecilia (‘Ceci’ sui social network) viveva da poco tempo a Branzolino, dopo aver abitato per anni a Fiumana di Predappio. Il suo fidanzato, un 19enne di Magliano, era alla guida ed è stato trasportato in elicottero in gravi...

Quella che doveva essere una giornata spensierata, da trascorrere insieme, si è trasformata in tragedia. È morta ieri poco dopo le 14.30 Cecilia Celli, 18 anni non ancora compiuti (li avrebbe festeggiati in dicembre), a seguito di un incidente stradale avvenuto in viale Bidente all’altezza dei civici 168 e 231. Cecilia (‘Ceci’ sui social network) viveva da poco tempo a Branzolino, dopo aver abitato per anni a Fiumana di Predappio. Il suo fidanzato, un 19enne di Magliano, era alla guida ed è stato trasportato in elicottero in gravi condizioni all’ospedale Bufalini di Cesena: avrebbe riportato ferite molto serie agli arti inferiori e superiori.

Cecilia, stando ai suoi profili social, era una grandissima appassionata di equitazione e di pallavolo (ha militato nella Villavolley per un anno, una formazione giovanile che gioca a Villafranca). La 17enne si trovava nel posto del passeggero della Yamaha guidata dal fidanzato e stava viaggiando in direzione Meldola, all’altezza del Lago del Sole, specchio d’acqua al Ronco dove si pratica anche pesca sportiva. Stando a una prima ricostruzione effettuata dalla polizia locale, la Yamaha ha effettuato il sorpasso di tre automobili che viaggiavano nella stessa direzione. Purtroppo per i due ragazzi è stato fatale l’impatto con l’ultima di queste, un Suv Mercedes guidato da un 27enne del Pesarese, impegnata a svoltare a sinistra per lasciare l’auto nel parcheggio del Lago del Sole. Sembra che le tre automobili trasportassero una dozzina di persone, una comitiva che aveva in programma di giocare a soft air nelle aree verdi che circondano il lago forlivese. Ed è stato proprio nel corso della manovra di svolta – la cui esatta dinamica è ancora al vaglio delle forze dell’ordine – che il Suv ha centrato la Yamaha.

Dopo l’impatto, la 17enne è finita contro il cancello scorrevole che delimita il perimetro del parcheggio, finendo poi esanime nell’area di sosta: i tentativi di rianimarla da parte del personale del 118 si sono rivelati vani; troppo gravi i traumi riportati. Il fidanzato, travolto dalla sua stessa motocicletta, è finito nel fosso che costeggia la strada. Il ragazzo era cosciente quando ha ricevuto i primi soccorsi. I medici lo hanno sedato e intubato e trasportato al Bufalini per un probabile intervento chirurgico, viste le ferite riportate, in particolare a braccia e gambe. Le sue condizioni sono comunque gravi. Sotto choc il 27enne, sulla cui auto viaggiavano altre quattro persone, tutte illese.

A seguito dell’incidente si sono verificati diversi disagi alla circolazione stradale, con la polizia municipale che ha chiuso l’accesso al tratto di via Bidente sia dalla rotonda all’altezza della pizzeria Quadrifoglio, su via Decio Raggi, che da via della Grotta.